''A ROSETO SPIAGGIA SPORCA,
MALEODORANTE E CON RUSPA
DOPO IL RIPASCIMENTO''

Pubblicazione: 24 giugno 2017 alle ore 13:42

ROSETO DEGLI ABRUZZI - "Questa mattina i numerosi turisti, villeggianti e cittadini che si sono recati al mare a Cologna Spiaggia hanno trovato una bruttissima sorpresa ad attenderli: una sabbia sporca, maleodorante, tendente al nero che pareva quasi 'asfalto', frutto, evidentemente, di un ripascimento fatto in maniera indecorosa e frettolosa, come si può capire anche dalla ruspa lasciata in bella mostra sulla spiaggia!".

Lo denuncia Alessandro Recchiuti, capogruppo di Futuro In al Comune di Roseto degli Abruzzi (Teramo).

"Così, oltre a spendere inutilmente soldi pubblici, si rischia anche di aver danneggiato la balneabilità del mare con una sabbia che, questa mattina, puzzava addirittura come fosse catrame, come hanno potuto constatare le numerose persone che erano al mare sul litorale colognese. A questo punto mi chiedo dove sia stata presa questa sabbia utilizzata per il ripascimento anche perché numerose persone, soprattutto bambini, uscendo dal mare hanno avvertito un forte prurito".

"Ritengo che, con la stagione estiva in pieno svolgimento, sia stato arrecato un grave danno alla frazione di Cologna Spiaggia e alle sue attività ricettive, per questo - annuncia Recchiuti - farò un accesso agli atti nelle sedi competenti per sapere dove è stata prelevata la sabbia utilizzata per il ripascimento, se è stata adeguatamente controllata e come è stata posizionata sull’arenile. Infatti, invece di affrontare in maniera seria e definitiva il problema dell’erosione della spiaggia in questa frazione, si è scelta la soluzione più facile che, come sempre, alla prima mareggiata vedrà la sabbia “rimangiata” ed il problema dell’erosione riproporsi puntualmente".

"Infatti lo sanno tutti che a Cologna Spiaggia il vero problema sono le scogliere posizionate, ma nessuno vuole affrontare la situazione in maniera seria e risolutiva! Ora ci mancava la sabbia nera, maleodorante, che sembra catrame a rendere la situazione ancora più grottesca e grave!", conclude Recchiuti.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui