A UN ANNO DALLA TRAGEDIA DEL RESORT, LA STORIA DRAMMATICA DEI FRATELLI
DI CARLO CHE SOLO GRAZIE ALLA LORO FORZA SI STANNO RISOLLEVANDO

''IO, ORFANO DI RIGOPIANO E INDEBITATO
NESSUNO MI HA OFFERTO UN SOSTEGNO''

Pubblicazione: 18 gennaio 2018 alle ore 07:00

Riccardo e Piergiovanni Di Carlo
di

LORETO - "Mi sono ritrovato orfano e indebitato, con due fratelli minorenni, nessuno mi ha chiesto se avessi bisogno di una mano".

Le parole di Riccardo Di Carlo tolgono il fiato.

Di quello che è successo il 18 gennaio 2017, quando una valanga ha distrutto l'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) uccidendo 29 persone tra cui il papà Sebastiano e la mamma Nadia Acconciamessa, non una parola. "Odio parlarne". E come non comprenderlo.

Proprio per essersi ritrovato da solo, catapultato in un mondo che, soprattutto una volta lontano dai riflettori, è più difficile di come appare, quella di riaprire la pizzeria che il padre gestiva in via Veneto a Loreto Aprutino (Pescara) dal 19 dicembre 2012 è stata una scelta obbligata.

"Siamo stati costretti, non avendo alcun aiuto", racconta ad AbruzzoWeb, "nessuna istituzione si è accertata della nostra condizione, ci hanno abbandonato tutti".

"Ancora non attivo la pensione di reversibilità, ma il totale che mi spetterebbe è di 80 euro al mese, sarebbe stata l'unica entrata se non avessi riaperto la pizzeria", dice in un misto tra rabbia e rassegnazione, ma con una buona dose di determinazione.

La stessa che ora insieme al fratello Piergiovanni lo porterà a raddoppiare lo sforzo, perché pochi mesi prima di Rigopiano, il papà aveva aperto una seconda pizzeria a Penne (Pescara), per la quale ancora non era riuscito a rientrare dalle spese sostenute.

"Da gennaio a dicembre ho dovuto pagare 9 mila euro di affitto per stare chiuso, e più di tremila di bollette, visto che le utenze sono rimaste tutte attive - dice - Purtroppo ho dovuto aspettare a riaprire anche per questioni burocratiche legate alla successione".

La pizzeria di Penne, che porta lo stesso nome di quella di Loreto, via Veneto, nei pressi di Porta San Francesco, è rimasta allestita, compresi i forni su misura, e riaprirà i battenti domani, venerdì 19 gennaio.

"Papà aprì a Loreto il 19 dicembre del 2012, giorno del suo compleanno e stesso giorno in cui noi abbiamo riaperto, in cui avrebbe compiuto cinquant'anni - ricorda Riccardo - La seconda pizzeria, a Penne, il 26 giugno 2016".

La passione per il pallone tiene invece lontano dalle due attività il fratellino Edoardo, uscito miracolosamente illeso dal crollo del resort. "Se lo recluteremo? Non so cosà vorrà fare, ma gli piace giocare a calcio. Vive con mia zia, è forte e spigliato".

Sia Riccardo che Piergiovanni continuano a dividersi tra il lavoro e lo studio.

Il più grande segue l'attività commerciale a distanza, da Milano, da dove torna in Abruzzo ogni due settimane. Ed è lassù al Nord che ha trovato la sensibilità che non gli ha riservato la sua terra. "Il rettore della Iulm mi ha dato un alloggio nella casa dello studente ed esonerato dalle tasse, altrimenti l'università me la sognavo la notte", dice. "È umiliante chiedere, tutti parlano di Rigopiano ma di concreto nessuno ha fatto nulla".

A Piergiovanni, al quinto anno dei Geometri al "Marconi" di Penne, lo aspettano invece gli esami di maturità. "Ma anche lui vuole fare l'università".

"L'attività fortunatamente va bene, facciamo pizzette piccole da asporto, del diametro di 16 centimetri - racconta Riccardo - ora che ripartiamo anche a Penne saremo sommersi di lavoro. Abbiamo appreso il mestiere da papà, visto che da quando aprì nel 2012 siamo stati tutti i giorni ficcati in pizzeria ad aiutarlo. Purtroppo, ora, per noi restano solo gli spiccioli, perché prima eravamo io, mamma, papà, mio fratello e un dipendente, ora abbiamo dovuto assumere cinque persone".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

UNA VALANGA DI NEVE E DETRITI NELL'ABRUZZO CHE TREMA, COSA ACCADDE A RIGOPIANO

FARINDOLA - Mancano pochi minuti alle 17 di mercoledì 18 gennaio 2017 quando una valanga di neve e detriti si stacca dal Monte Siella e travolge l'hotel Rigopiano (Pescara), a Farindola, un resort di lusso con... (continua)

RIGOPIANO: A UN ANNO DALLA TRAGEDIA 23 INDAGATI E QUATTRO FILONI DI INCHIESTA

PESCARA - Sono 23 gli indagati nell'inchiesta sul disastro dell'Hotel Rigopiano: esattamente un anno fa, il 18 gennaio 2017, una valanga travolse il resort nel comune di Farindola (Pescara). Tra le accuse più gravi, contenute nelle migliaia... (continua)

RIGOPIANO: UN ANNO FA LA TRAGEDIA, OGGI RICORDO TRA FIACCOLATE E POESIE

FARINDOLA - Sole e cielo azzurro, anche se freddo pungente e ghiaccio sulla strada che sale fin su, al posto di metri di neve e della tormenta: questo lo scenario che oggi, a un anno dalla... (continua)

RIGOPIANO: MATTARELLA, ''A UN ANNO DA TRAGEDIA FERITA PROFONDA PER L'ITALIA''

ROMA - "Ad un anno dalla tragedia dell'Hotel Rigopiano, profonda ferita per la comunità coinvolta e per il Paese intero, desidero rivolgere un commosso pensiero alle vittime e rinnovare la mia solidale vicinanza ai loro familiari... (continua)

RIGOPIANO: CORONA FIORI DAVANTI HOTEL, ''IL SOLE OGGI E' APPANNATO NEL CUORE''

FARINDOLA - Con il suono del silenzio si è aperta a Rigopiano alle 9.48 la cerimonia di deposizione di una corona davanti l'ingresso di quello che resta del Resort di Rigopiano di Farindola (Pescara), alla presenza... (continua)

RIGOPIANO: EX SINDACO FARINDOLA PERSE FRATELLO, ''GIUSTIZIA FARA' SUO CORSO''

FARINDOLA - "I nostri morti, le 29 vittime, hanno diritto a che la memoria del loro sacrificio non si perda e soprattutto che non sia stato vano perché tragedie simili non si ripetano più. A questo... (continua)

RIGOPIANO: MATRONE, ''LE FERITE PIU' GRAVI SONO QUELLE CHE PORTO NEL CUORE''

FARINDOLA - "Io non voglio passare oggi da sopravvissuto ma per il marito di una vittima, mia moglie Valentina. I danni fisici si conoscono, ma le mie ferite più gravi sono quelle del cuore. Quelle che... (continua)

RIGOPIANO: MONSIGNOR VALENTINETTI, ''FATE SPLENDERE SOLE NEI CUORI''

FARINDOLA - "Il sole deve tornare a risplendere nei vostri cuori se volete far riposare in pace questi figli, queste fidanzate, questi fidanzati, queste mamme e questi papà". È un passaggio dell'omelia dell'arcivescovo di Pescara-Penne, Tommaso Valentinetti,... (continua)

RIGOPIANO: BOLDRINI, ''VICINA A FAMIGLIE VITTIME, VENGA FATTA CHIAREZZA''

FARINDOLA - "È passato un anno, ma la tragedia dell'Hotel Rigopiano è ancora viva nella memoria di tutti. Un Paese intero seguì con trepidazione, speranza, dolore le operazioni di soccorso, gioì per le persone messe in... (continua)

RIGOPIANO: PARETE, ''IO MIRACOLATO, DOVREI RIPAGARE TUTTO QUESTO BENE''

FARINDOLA - "Mi sento miracolato. Non sappiamo cosa abbiamo fatto noi per meritare questo, cosa dovrei fare per ripagare tutto questo bene che mi è venuto addosso". Parla Giampiero Parete, il cuoco che lanciò l'sos, scampato alla... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui