''L'EX OPTIMES E' DI PRIVATI, NON DELL'ARAP''
NUOVA GRANA PER LE SCUOLE DELL'AQUILA

Pubblicazione: 11 settembre 2017 alle ore 18:19

La ex Optimes
di

L'AQUILA - La fabbrica ex Optimes dell'Aquila, divenuta sede per scuole superiori del capoluogo, "in base ai titoli e alle risultanze dei pubblici registri immobiliari è di proprietà della Srl Gallucci" e non dell'Agenzia regionale per le attività produttive (Arap) della Regione Abruzzo.

A denunciare in una nota la situazione, che se confermata aprirebbe una nuova grana nella complicata vicenda del Cotugno, è l'amministratore della stess società, Marcello Gallucci.

La sede del "Cotugno" in via Leonardo da Vinci non è del tutto agibile e la scuola è stata oggetto, perciò, dello "spezzatino" deciso dalla Provincia, proprietaria, con gli studenti divisi tra vari plessi, tra cui la fabbrica nel nucleo industriale di Pile.

Proprio oggi, in occasione della prima campanella, su quest'ultima struttura, la Giunta regionale ha approvato una delibera di indirizzo con la quale si invita l'Arap a concedere alla Provincia dell'Aquila l'uso del complesso come "jolly" per spostarci di volta in volta gli studenti degli istituti, non solo il "Cotugno", che dovranno essere oggetto di lavori.

Ma per la Gallucci Srl, "la questione concernente la proprietà è sub iudice, essendo in corso la causa proposta da Arap contro la società Gallucci per l'individuazione dell'effettivo proprietario".

La Gallucci "in un altro giudizio, attualmente al vaglio della Corte d'Appello, ha agito per ottenere la condanna di Arap e Università dell'Aquila alla riconsegna dell'immobile, detenuto sine titulo da Arap, oltre al risarcimento dei danni".

Una causa che, con i tempi della giustizia, potrebbe vanificare l'uso da "jolly" del capannone, che ha ospitato nel post-terremoto le facoltà accademiche di Ingegneria, Economia e Scienze motorie, con una serie di lavori su cui si è posato anche l’occhio della magistratura, con un'inchiesta penale per presunti importi gonfiati negli affitti che si è conclusa, comunque, con tutte assoluzioni con formula dubitativa per lo stesso Gallucci, per l'ex rettore Ferdinando Di Orio e per l'ex direttore amministrativo Filippo Del Vecchio, e un'inchiesta contabile invece ancora in corso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

UNIVAQ: MAXI AFFITTI, ASSOLUZIONE DI ORIO, DEL VECCHIO E GALLUCCI, ORA CORTE CONTI

L’AQUILA - Il Tribunale dell’Aquila ha assolto con formula dubitativa “perché il fatto non costituisce reato” l’ex rettore dell’Aquila Ferdinando Di Orio, l’ex direttore amministrativo dello stesso ateneo, Filippo Del Vecchio, e con formula piena, “per... (continua)

SCUOLE L'AQUILA: ''COTUGNO'' DIVISO TRA VIA DA VINCI, ACQUASANTA E VIA SCARFOGLIO

L’AQUILA - È servito lo “spezzatino” della Provincia dell’Aquila per consentire l’avvio di anno scolastico del liceo “Cotugno” del capoluogo: 19 classi andranno nella sede oggetto di mille dubbi e verifiche in via Da Vinci, 26... (continua)

SCUOLE L'AQUILA: DA GIUNTA REGIONALE OK A UTILIZZO EX OPTIMES

L'AQUILA - La giunta regionale, su proposta del presidente Luciano D'Alfonso, ha approvato una delibera di indirizzo con la quale si invita l'Arap (l'azienda regionale attività produttive) a concedere alla Provincia dell'Aquila l'uso del complesso ex... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui