''NO RISCHI PER ESPERIMENTI SUL GRAN SASSO''
LE RASSICURAZIONI DEL MINISTRO GALLETTI

Pubblicazione: 18 ottobre 2017 alle ore 18:07

ROMA - "Non esiste alcun rischio di dispersione di Cerio-144 e quindi di contaminazione anche minima dell'ambiente circostante, del laboratorio ed in particolare delle acque del bacino del Gran Sasso, come evidenziato e dimostrato con studi tecnici completi". 

Lo assicura il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti in risposta a un'interrogazione del deputato e presidente di Abruzzo Civico Giulio Cesare Sottanelli su eventuali rischi connesi all'esperimento "Sox" previsto dall'aprile 2018 nei laboratori di fisica nucleare del Gran Sasso, che implicherà l'uso di una potente sorgente radioattiva di Cerio 144 proveniente da un combustibile radioattivo di un reattore nucleare russo e che sta provocando polemiche a non finire.

"I cittadini abruzzesi hanno il diritto di essere informati in maniera completa ed esaustiva sull'esperimento e sulle precauzioni di sicurezza adottate - replica Sottanelli - Sono soddisfatto della risposta, i laboratori del Gran Sasso sono una eccellenza internazionale e la loro attività va sostenuta. Il ministro ha chiarito nei dettagli tutte le precauzioni che saranno adottate e che finora non erano state comunicate con efficacia alla popolazione, suscitando giustamente preoccupazione. Ho chiesto al governo di mantenere alta l'attenzione e di fare in modo che possa essere risolta in maniera definitiva la messa in sicurezza del nostro patrimonio idrico e la compartimentazione delle tre infrastrutture che convivono nel Gran Sasso, ovvero i laboratori, l'autostrada e i punti di captazione della nostra acqua".

Il ministro afferma inoltre che l'Istituto "ha precisato che il generatore di neutrini è progettato per garantire massima sicurezza anche in caso di eventi incidentali. In particolare, il Cerio-144 è sotto forma di polvere solida, è sigillato in modo permanente e sicuro all'interno di una doppia capsula in acciaio saldata. La combinazione della doppia capsula in acciaio e del contenitore sigillato di tungsteno rende impossibile la dispersione del materiale, anche in quantita' minime e anche in caso di eventi incidentali indipendenti quali terremoti, incendi o allagamenti del sito dell'esperimento, scenari valutati attentamente nella fase di progetto". 

Galletti aggiunge che questa "configurazione rimarrà invariata per tutta la durata dell'esperimento, che sarà di circa 18 mesi. Al termine dell'esperimento, la sorgente ritornerà in Francia, presso l'istituto che ne detiene la proprietà. Al riguardo, anche l'Ispra ha evidenziato che per le caratteristiche fin qui esposte si esclude che, a seguito dell'impiego della sorgente, possano derivare rilasci di sostanze radioattive nell'ambiente ed eventuali contaminazioni delle falde acquifere. Ricordo inoltre che in sede di autorizzazione, l'Ispra ha fissato specifiche prescrizioni circa le prove da effettuare preliminarmente all'installazione e al successivo impiego della sorgente". 

"L'Istituto effettuerà la propria attività di vigilanza sull'esecuzione delle prove, così come rilascerà il previsto specifico attestato di sicurezza, per quanto riguarda le operazioni di trasporto. Con riferimento alle operazioni di trasporto è altresì previsto che venga rilasciato specifico attestato di sicurezza da parte del Centro Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione", conclude. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

LABORATORI GRAN SASSO: INTERROGAZIONE MOVIMENTO 5 STELLE SU ESPERIMENTI

L'AQUILA - "Dopo le notizie sugli organi di informazione degli ultimi giorni sull'esperimento nucleare nei laboratori del Gran Sasso, dopo i dubbi e le opacità sollevate dalle associazioni ambientaliste e considerate anche le criticità emerse in... (continua)

TEST CON MATERIALE RADIOATTIVO GRAN SASSO, ''OK MINISTERI GIA' NEL 2014''

L'AQUILA - "L'uso della potente sorgente radioattiva al Gran Sasso è stata autorizzata da un decreto del ministero dello Sviluppo economico su richiesta avanzata il 27 novembre del 2014 dai Laboratori nazionali di fisica". A renderlo noto... (continua)

LABORATORI GRAN SASSO: L'ESPERIMENTO SOX CONTESTATO, LA SCHEDA

L’AQUILA - Il progetto Borexino-Sox ai Laboratori del Gran Sasso, si spiega in una nota Lngs-Infn, “si basa sull’utilizzo di un innovativo generatore di antineutrini”. Ecco nel dettaglio la descrizione dell’esperimento Sox fornita dai Laboratori. TEST TRASPORTO E... (continua)

LABORATORI GRAN SASSO: OSSERVATORIO ACQUA, ''NON BASTA ESPERIMENTO SOSPESO''

L’AQUILA - “Leggiamo che la Regione chiede la sospensione dell’esperimento con il materiale radioattivo nei Laboratori. Bene, ma non sufficiente”. Lo afferma in una nota l’Osservatorio indipendente sull’acqua del Gran Sasso, costituito da Wwf, Legambiente, Mountain Wilderness,... (continua)

ESPERIMENTO CON MATERIALE RADIOATTIVO AI LABORATORI GRAN SASSO, E' POLEMICA

L’AQUILA - Nei Laboratori di fisica nucleare del Gran Sasso è in corso la predisposizione per l’esperimento Sox che utilizzerà una potente sorgente radioattiva di Cerio 144 proveniente da combustibile radioattivo di un reattore nucleare russo. La... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui