• Abruzzoweb sponsor

''SCHIAFFI E PAROLACCE'' IN CLASSE: PROF SI DIFENDE, ''MAI ALZATO LE MANI''

Pubblicazione: 09 giugno 2019 alle ore 19:47

TERAMO - Non si è sottratto all'esame dell'imputato Cosimo Di Michele, 63 anni, l'insegnante di educazione tecnica di una scuola secondaria di primo grado della Val Vibrata, attualmente in servizio, accusato di aver commesso gesti violenti nei confronti di alcuni suoi alunni e di aver detto parolacce in classe.

"Insegno da circa 14 anni nella scuola media e l'ho sempre fatto con la porta aperta", ha spiegato.

Il suo racconto di quegli episodi, che per l'accusa sarebbero presunti abusi di mezzi di correzione, ricostruiscono una dinamica quotidiana che racconta una scuola fatta di classi con alunni "vivaci, ma davvero vivaci", da tenere a bada, come racconta il quotidiano Il Messaggero.

Ragazzi che disturbano le lezioni e che, a sentire l'insegnante, verrebbe voglia di cacciarli fuori uno dopo l'altro.

Di Michele si presenta come un professore calmo e pacato. Parla sì, di quelle contestazioni che gli vengono mosse, ma poi dice: "All'ennesima volta che stava disturbando, l'ho portato fuori, accompagnandolo col braccio". C'è un ragazzino cinese, che all'epoca non parlava italiano, che ha riferito di aver ricevuto uno schiaffo. Per il professore avrebbe mal interpretato. "Quel giorno il ragazzino era riuscito per la prima volta a parlare un po' in italiano grazie a una compagna che gli aveva fatto da interprete, glielo avevo chiesto io. Si trovava alla cattedra. Per congratularmi con lui, gli diedi una pacca sulla spalla".

Ma di episodi contestati ce ne sono altri, senza nessuna parte civile a processo. Ed è quindi in aula che il pm gli domanda se non sia stato lui, forse, ad avere una percezione diversa proprio di quegli episodi che si sono verificati in classe.

A difenderlo l'assistente educativa che passava con lui due ore a settimana: "Mai sentito dire parolacce o visto picchiare i bambini". E ancora altre le testimonianze raccolte da Il Messaggero, come quella di un altro docente della stessa scuola che ha confermato che Di Michele "faceva sempre lezione con la porta aperta".

"È un ottimo docente ha riferito il papà di un ragazzino che frequentava la classe insieme al bambino cinese - Mio figlio mi ha confermato che non è mai successo niente. Quell'anno lui ha avuto un blocco e solo grazie al suo professore di educazione tecnica è riuscito a superarlo perché è un bravo docente".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui