• Abruzzoweb sponsor

A CITTA' SANT'ANGELO IL PRIMO GRANDE INCONTRO ''STOP 5G''

Pubblicazione: 07 giugno 2019 alle ore 08:27

CITTA' SANT'ANGELO - A Città Sant'Angelo il 15 giugnO, alle 10, presso il Teatro Comunale STOP 5G Abruzzo, Comitato No Antenne Pescara, Comitato No Elettrosmog e Comitato più Salute meno antenne aderiscono alle “Giornate di mobilitazione nazionale, moratoria subito in difesa della salute” promosse dall’Alleanza italiana Stop 5G promuovendo un Convegno , che sarà il primo grande incontro STOP 5G in Abruzzo.

"Dall’anno 2019- spiegano le associazioni - saranno installati i sistemi mobili di quinta generazione, noti come strutture 5G, posizionando gruppi di miniantenne a microonde millimetriche su abitazioni, scuole, centri diurni, centri ricreativi, lampioni della luce e altro ancora. C’è poi anche il progetto di satelliti lanciati in orbita nello spazio e di droni wireless".

"La rete 5G - proseguono - usa frequenze mai utilizzate finora su larga scala.  In data 13 settembre 2017 un gruppo composto da più di 180 scienziati e medici provenienti da 37 paesi hanno proposto una moratoria per il roll-out della quinta generazione della telecomunicazione, almeno fino a quando 'i potenziali pericoli per la salute umana e l’ambiente saranno stati completamente studiati da scienziati indipendenti che non accettano finanziamenti dall’industria. La tecnologia 5G aumenterà notevolmente l’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) rispetto alla 2G, 3G,-  4G, Wi-Fi ecc. già esistenti'. Inoltre essa andrà a sommarsi a tutte le frequenze già esistenti".

" L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell’Organizzazione Mondale della Sanità ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza come “possibili cancerogeni” inserendoli nel gruppo 2B, sulla base di un aumentato rischio di glioma (un tipo di cancro maligno al cervello associato all’uso del telefono cellulare)., ma attualmente ha ufficializzato la rivalutazione della classificazione delle radiofrequenze nella lista degli agenti cancerogeni per l’umanità".

"Come riporta la rivista scientifica Lancet - aggiungono ancora -, per il periodo 2020-2024 le radiazioni non ionizzanti-radiofrequenze, cioè l’elettrosmog  attualmente inserito in Classe 2B (possibili agenti cancerogeni), sulla scorta dei più aggiornati studi nelle evidenze emerse dai test condotti dall’americano National Toxicology Program e dal nostro Istituto Ramazzini (nella ricerca condotta dalla scienziata Fiorella Belpoggi), finirebbero in Classe 2A  (probabili agenti cancerogeni) se non addirittura in Classe 1 (cancerogeni certi)". 

"Nessuno di noi è contro il progresso - sottolienano le associaizoni -e tutti desideriamo una città con maggiore semplicità di accesso ai servizi sociali e sanitari. Per avere questo però non è affatto indispensabile una tecnologia con EFFETTI DANNOSI accertati e certificati sulla salute dei cittadini".

"In Abruzzo,  grazie alla continua diffusione di informazioni relative agli effetti negativi dell’elettrosmog esistente che sarebbe ulteriormente aggravato dalla diffusione su larga scala della rete 5G, sta crescendo giorno dopo giorno l’attivismo per l’opposizione a questa  'sperimentazione di massa'. La sinergia tra cittadini consapevoli, Sindaci e associazioni culturali sta intensificando una rete ora più che mai decisa a respingere al mittente volontà calate dall’alto che avranno conseguenze sulla salute di tutti".

"Appoggiamo con fermezza la mozione presentata  da diversi parlamentari di Camera e Senato con l’obiettivo di impegnare il Governo nella richiesta di una moratoria per il 5. Sara Cunial è prima firmataria insieme a Silvia Benedetti, Gloria Vizzini,Veronica Giannone e Schullian Manfred".   

“Sospendere qualsiasi forma di sperimentazione del 5G sul territorio nazionale in attesa della produzione di sufficienti evidenze scientifiche per giudicarne l’innocuità, promuovere uno studio epidemiologico indipendente, sviluppato da enti scevri da conflitti d’interessi” sono queste le richieste presenti nella mozione, che aggiunge come obiettivo quello di  “mantenere gli attuali valori limite di legge puntando sulla minimizzazione del rischio e valutare tutte le opinioni critiche e i giudizi negativi giunti dalla comunità scientifica in merito agli effetti di un eventuale innalzamento dei limiti di legge”. 

Pertanto il 15 giugno, alle 10 presso, il Teatro Comunale di Città Sant’Angelo (Pescara)  STOP 5G Abruzzo, Comitato No Antenne Pescara, Comitato No Elettrosmog e Comitato più Salute meno antenne aderiscono alle “Giornate di mobilitazione nazionale, moratoria subito in difesa della salute” promosse dall’Alleanza italiana Stop 5G promuovendo un Convegno , che sarà il primo grande incontro STOP 5G in Abruzzo.

L’evento rientra nel più ampio cartello di appuntamenti per la Precauzione programmati in simultanea nello stesso giorno dal nord al sud Italia (isole comprese), cartello che ha ricevuto gli autorevoli patrocini di Istituto Ramazzini, ISDE Italia, Centro Abaton-Clinica di Medicina Osteopatica, Associazione Nazionale dei Piccoli Comuni d’Italia, del Comune di Città Sant’Angelo e del Comune di Montesilvano.

Preceduto da una serie di azioni informative sul territorio e da incontri politici con candidati nella recente campagna elettorale per le elezioni amministrative (firmando un’intesa coi cittadini, in molti si sono impegnati a contrastare fattivamente l’elettrosmog), sul tavolo dei relatori ci saranno anche i sindaci abruzzesi dei Comuni di Montesilvano, Ottavio De Martinis, e Città Sant’Angelo, Matteo Perazzetti.

Il resto della scaletta degli interventi:  Eva Tibaldi biologa ricercatrice del Centro per la Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni – Istituto Ramazzini; Maurizio Martucci giornalista e scrittore d’inchiesta, autore del libro ‘Manuale di autodifesa per elettrosensibili’, portavoce nazionale dell’alleanza italiana Stop 5G; Paolo Orio dottore in medicina, presidente dell’Associazione Italiana Elettrosensibili; Luigi Maxmillian Caligiuri direttore scientifico Foundation of Physics Research Center, docente in fisica all’Università San Raffaele Roma; Tonia Di Giovacchino portavoce Stop 5G Abruzzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui