ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO MEDICINA: SCIMIA, ''LEGA SI FACCIA GARANTE VALORI DI DESTRA''

Pubblicazione: 16 ottobre 2018 alle ore 12:55

Leonardo Scimia

L'AQUILA - "Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi". 

È quanto annunciato al termine del Consiglio dei Ministri di ieri tra le norme del disegno di legge relativo al Bilancio di previsione dello Stato per il 2019. 

"Decisione folle. Nella Legge di Bilancio, tolto il numero chiuso a Medicina", afferma Walter Ricciardi, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), in un tweet.

"Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi", si afferma nel comunicato diffuso al termine del Consiglio dei Ministri che ha varato il decreto fiscale e la manovra 2019.  

Sulla decisione interviene anche il consigliere comunale dell'Aquila, Leonardo Scimia, capogruppo di Azione Universitaria Cnsu: "Come un fulmine a ciel sereno così il governo giallo-verde decide di abolire il test di Medicina. L’augurio è che la Lega si faccia da garante dei valori della destra universitaria e degli ultimi accenni di meritocrazia in questo Paese".

"Tutto è avvenuto nella scorsa notte nel corso del Cdm in cui Lega e M5S hanno deciso di cambiare radicalmente il sistema di selezione degli aspiranti medici nel modo più semplice: non applicando alcuna scelta - spiega Scimia - Una decisione che va totalmente a sposare le idee dei sindacati studenteschi e centri sociali evidenziando ancora una volta come il governo gialloverde abbia moltissimo di sinistra e veramente poco di destra".

"Ebbene io non mi sorprendo affatto di questa decisione, davanti ad un movimento 5 stelle che preferisce i like e i fan dei social network a tutto il resto, c’era da aspettarsi che per accaparrarsi i voti degli studenti per le prossime elezioni europee sarebbero stati disposti a prendere scelte assurde per tutto il sistema universitario", aggiunge il capogruppo di Au. 

"Con ogni probabilità tutto questo non si verificherà mai perché loro stessi sono ben consapevoli che questa è solo un proposta spot del tutto inapplicabile, specialmente se scritta in tre righe - prosegue - Un approccio che troverà favorevoli migliaia di ragazzi rimasti esclusi dal test e farà sentire presi in giro quelli che sono rientrati nella selezioni ma, in questo caso, il ragionamento deve andare oltre l’interesse personale perché il danno sarà a carico di tutti: questa 'soluzione' non è altro che una cura del sintomo ma non della malattia, oggi l’Italia ha bisogno di medici specializzati, ma questa qualifica si consegue dopo la laurea, l’abilitazione e dopo aver passato la selezione nazionale per le scuole di specializzazione che sono a numero chiuso e minori del numero totale di laureati di ogni anno".

"Sono moltissimi i medici laureati e abilitati che non riescono ad accedere alla specializzazione: aumentando il numero di laureati e non il numero di posti per le scuole di specializzazione non facciamo altro che acuire l’imbuto a cui sono soggetti i laureati di oggi e del futuro, un danno per loro e per lo Stato intero", conclude Scimia. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui