ABUSO EDILIZIO: TRE PERSONE
CONDANNATE A L'AQUILA

Pubblicazione: 14 aprile 2015 alle ore 09:40

L'AQUILA - Tre persone sono state condannate per abuso edilizio all'Aquila.

Come riporta Il Centro, il giudice unico ha inflitto un anno di arresto (con i benefìci di legge) a carico di Luigi Lombardo, Pio Fulvi, Pierluigi D’Armi. D’Armi era finito sotto processo in quanto titolare del terreni; Lombardo, ex presidente di Confartigianato, nella veste di presidente dell’associazione Cardinale Innocenti, e Fulvi in quella di amministratore di Artigianservice.

Erano accusati di avere fatto realizzare una struttura a forma di U, ancorata su una platea di cemento, in difformità rispetto a quanto indicato nella richiesta fatta al Comune.

Nel corso dell’udienza il pm onorario, Ilaria Prezzo, aveva chiesto la condanna per tutti gli imputati a un anno e un’ammenda di circa trentamila euro.

Nel pomeriggio di ieri il giudice unico onorario Angelo Caporale ha sostanzialmente confermato le richieste dell’accusa infliggendo, però, un’ammenda più consistente: quarantamila euro e la confisca del terreno.

Il caso, ovviamente, non finisce qui visto che ci sarà un ricorso in appello.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui