COLELLA: “DOPO TANTI RINVII E UN RITARDO DI MESI, LA REGIONE HA PARTORITO”

ACQUA SANTA CROCE: ECCO IL NUOVO BANDO, LOLLI ''C'E ANCHE TUTELA LAVORATORI''

Pubblicazione: 24 ottobre 2016 alle ore 17:31

CANISTRO - Dopo mesi di attesa, è stato pubblicato oggi sul Bollettino Speciale numero 132 della Regione Abruzzo l'Avviso di procedura ad evidenza pubblica per l'affidamento di concessione di acque minerali "Sant'Antonio-Sponga" nel comune di Canistro (L'Aquila).

Lo rende noto il vice presidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, che ha la delega alle Attività produttive e che ha seguito fin dall'inizio la vicenda legata al rinnovo dell'atto concessorio, soprattutto dopo l'annullamento da parte del Tar del precedente bando regionale.

"La pubblicazione del nuovo avviso - spiega Lolli - permette alla Regione di individuare, a seguito della procedura a evidenza pubblica, il soggetto che andrà a gestire la concessione di acque minerali della Sant'Antonio-Sponga in modo da realizzare un progetto di crescita del giacimento stesso in relazione anche alla capacità occupazionale che lo sfruttamento del giacimento può garantire".

"Come si è visto in questi mesi, quella della Sant'Antonio-Sponga è una vicenda complessa a cui è seguita una vertenza occupazionale difficile - rileva - Con l'Avviso pubblicato oggi rimettiamo al centro del progetto la volontà della Regione di non voler abbandonare al proprio destino un giacimento che rappresenta una ricchezza per l'intero territorio".

Nella sorgente ha operato finora con un suo stabilimento la società Santa Croce, proprietaria del marchio di rilievo nazionale, che con la Regione ha in corso un duro contenzioso partito lo scorso anno quando l'ente ha negato proroghe e revocato la concessione per prresunte irregolarità nel Durc, il Documento unico di regolarita' contributiva.

Addebiti respinti dal patron, Camillo Colella. La Santa Croce ha 75 dipendenti, di cui oltre 50 in cassa integrazione a rotazione e la restante parte al lavoro.

Per loro, a fine novembre si apre lo spettro del licenziamento visto che la proprietà ha attivato le procedure di mobilità alla luce dei dinieghi definitivi della Regione.

Colella, comunque ha sempre assicurato che manterrà gli impegni presi con i fornitori.

Secondo quanto riportato nell'Avviso, la gara verrà aggiudicata utilizzando il metodo dell'offerta economicamente più vantaggiosa con una stima del valore della concessione di circa 2,9 milioni di euro.

Il rapporto concessorio avrà una durata di 30 anni, alla scadenza del quale non potrà essere rinnovato o prorogato dovendosi procedere a nuova gara.

Il vice presidente rimarca che "nell'Avviso è stata inserita la condizione che nel periodo di durata della concessione il concessionario s'impegnerà a sottoscrivere un formale 'Accordo sulla difesa dei livelli occupazionali' con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di riferimento, finalizzato al reimpiego prioritario degli stessi lavoratori della precedente società affidataria della concessione, secondo le esigenze tecnico-organizzative e di manodopera previste nel Piano industriale".

La presentazione delle offerte potrà essere fatta da domani fino alle ore 13 del 15 dicembre 2016.

COLELLA: “DOPO TANTI RINVII E UN RITARDO DI MESI, LA REGIONE HA PARTORITO”

“Con i nostri legali lo stiamo esaminando molto approfonditamente per poi decidere la nostra strategia. La prima riflessione che mi viene di esternare è questa: se non dovessimo partecipare noi di Santa Croce, sono curioso di verificare quali saranno i grandi player di cui parlava il vice presidente Lolli, disposti  a partecipare a un bando per una concessione che non prevede il marchio Santa Croce e lo stabilimento, entrambi di mia proprietà”.

Così il patron della Santa Croce, Camillo Colella.

“Inoltre, c’è da sottolineare altri elementi di criticità tra cui gli altissimi tributi sia regionali che comunali ed il clima sindacale molto teso - ha aggiunto - Senza contare il fatto che nei prossimi mesi ci sarà il pronunciamento del Consiglio di Stato, al quale ci siamo rivolti, che potrebbe riassegnarci la concessione”.

“Insomma, già appena uscito, le nubi sono molto dense”, ha concluso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

SANTA CROCE: COLELLA, ''BANDO REGIONE ABRUZZO GIÀ CON NUBI''

L'AQUILA - "Finalmente dopo tanti rinvii e un ritardo di numerosi mesi, la Regione ha partorito il bando": Così Camillo Colella, patron della Santa Croce, l'acqua minerale di rilevanza nazionale che viene captata ed imbottigliata a... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui