AGGREDISCE E FERISCE POLIZIOTTO A PESCARA,
NIGERIANO FERMATO CON SPRAY URTICANTE

Pubblicazione: 01 novembre 2017 alle ore 09:32

Una volante della polizia

PESCARA - Momenti di tensione ieri mattina a Pescara.

Gli agenti della squadra Volante hanno dovuto utilizzare lo spray urticante in dotazione alla polizia per calmare un 29enne nigeriano che, prima ha litigato con un corriere espresso e poi ha aggredito e ferito al setto nasale un poliziotto.

L'episodio è avvenuto intorno alle 13 nella zona di Piazza Santa Caterina.

Il 29enne era in sella alla sua bici, quando per questioni legate alla viabilità ha avuto un diverbio piuttosto acceso con un corriere epresso.

All'arrivo della polizia è fuggito.

Poco dopo è stato raggiunto e fermato da due agenti.

Il 29enne però ha reagito e ha ferito uno dei due al volto, colpendolo a calci e pugni.

Il secondo poliziotto allora ha utilizzato lo spray ed è riuscito a neutralizzarlo.

L'aggressore, che ha precedenti specifici, è stato quindi arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Il poliziotto ferito è stato soccorso e trasportato in ospedale per le cure del caso. La prognosi è di 15 giorni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui