ALL'AQUILA UN FLASH MOB
PER SOLLECITARE IL RECUPERO
DELL'ANTICO TORRIONE

Pubblicazione: 28 febbraio 2017 alle ore 09:57

L'AQUILA - Un “flash mob” per sensibilizzare autorità, enti preposti e opinione pubblica sulla necessità di salvaguardare il Torrione, simbolo dell'omonimo quartiere dell'Aquila, che secondo gli studi del professor Fabio Redi doveva essere uno degli elementi principali dell’acquedotto di Santanza, realizzato nel 1304 grazie al toscano Guelfo da Lucca, capitano di giustizia.

Il monumento, è stato danneggiato dalle scosse dopo il 6 aprile 2009 ma ancor più dall’incuria.

Il Torrione ha bisogno di interventi urgenti ed è nel più completo abbandono nonostante si trovi in un luogo assai trafficato e frequentato.

Va salvaguardato assolutamente e perciò gli attivisti del gruppo di azione civica Jemo 'Nnanzi lo ha idealmente avvolto con il tricolore lungo 25 metri, "perché anche il Torrione - affermano - deve andare avanti".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui