• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

AMMORTIZZATORI SOCIALI: CGIL ABRUZZO, RISCHIO ULTERIORI LICENZIAMENTI CON JOBS ACT

Pubblicazione: 24 settembre 2018 alle ore 17:25

L'AQUILA - "Sugli ammortizzatori sociali siamo arrivati al punto: la scelta inserita nel Jobs act di un assurdo azzeramento, peraltro privo di concrete alternative in termini di politiche attive del lavoro, ora rischia di causare ulteriori licenziamenti in Abruzzo e nel resto d'Italia".

A lanciare l'allarme è la Cgil Abruzzo in una nota.

"Nei mesi scorsi, proprio con il pensiero rivolto al destino infausto degli ammortizzatori, misure che negli anni della crisi ci hanno permesso di governare i processi e anche di mantenere in vita siti produttivi e professionalità", afferma Rita Innocenzi della segreteria regionale del sindacato, "le aziende hanno già centellinato gli interventi e poi avviato licenziamenti".

"Ora, in assenza di un provvedimento del Governo di revisione dell'attuale normativa e di ripristino della Cassa integrazione straordinaria - conclude - anche in Abruzzo si rischia di far ulteriormente lievitare le espulsioni di lavoratrici e lavoratori dal mondo del lavoro".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui