APPALTO CANADAIR REVOCATO
A SPADACCINI, TRIBUNALE ROMA
CONDANNA PROTEZIONE CIVILE

Pubblicazione: 14 dicembre 2017 alle ore 13:26

Giuseppe Spadaccini

L'AQUILA - Il tribunale di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio dei ministri al pagamento di 50 milioni di euro a favore del curatore fallimentare della Sorem, società dell'imprenditore abruzzese Giuseppe Spadaccini che gestiva la flotta di canadair per conto della Protezione civile, riconoscendo l'insussistenza dei presupposti che portarono, nel 2010, alla risoluzione del contratto in essere.

Nella sentenza del giudice Assunta Canonaco, si legge come quest'ultima sia stata causata da "grave inadempimento" del Dipartimento di protezione civile, all'epoca diretto da Guido Bertolaso.

La rescissione del contratto arrivò dopo mesi di mancati pagamenti che costrinsero la società al fallimento. (m.sig.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

'FLYING MONEY': BERTOLASO, ''MAI FATTO FUORI NESSUNO''

L'AQUILA - "Non ho mai svolto attività per favorire qualcuno". Così l'ex capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, replica all'imprenditore Giuseppe Spadaccini, titolare della società che gestiva i Canadair del dipartimento, finito in carcere per evasione fiscale,... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui