APPENNINO FERITO, LA STORIA
DEI COMUNI TERREMOTATI
DIGITALIZZATA SU WIKIPEDIA

Pubblicazione: 17 febbraio 2017 alle ore 09:35

MACERATA - Si chiama ''Wiki: AppeninoCentroItalia'', ed è un progetto per il popolamento informativo di un ecosistema digitale basato su Wikipedia che aiuti i centri terremotati dell'Appennino a risollevarsi.

Lo ha lanciato il dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo dell'Università di Macerata, con l'iniziativa "Appennino ferito", una serie di eventi per favorire la conoscenza delle aree colpite dal sisma e dei problemi della prevenzione dal rischio sismico, della gestione dell'emergenza e del post-terremoto.

Il coordinamento è affidato a Pierluigi Feliciati, delegato del rettore Francesco Adornato per il sistema informativo d'ateneo e coordinatore di Wikimedia per le Marche.

A fianco delle iniziative degli enti locali, delle Soprintendenze e della Regione, il progetto vuole raccogliere le popolazioni, le scuole e gli istituti culturali attorno ad un obiettivo aperto, libero, di qualità, basato sul volontariato.

Con eventi sul territorio si cercherà di creare, aggiornare e migliorare le pagine di Wikipedia dedicate ai comuni dell'area, ai musei, alle biblioteche e archivi, ai monumenti, ai parchi, alle imprese storiche, alle specialità eno-gastronomiche, ai personaggi.

Inoltre, saranno lanciati progetti tematici per il recupero e la digitalizzazione della pubblicistica storica dedicata al territorio (su WikiSource), per la documentazione fotografica di luoghi, monumenti e opere d'arte (su WikiCommons) e per la redazione di brevi guide turistiche complete di informazioni sull'accoglienza (su WikiVoyage).

Quest'ultima attività sarà avviata con i tanti studenti dell'insegnamento di progettazione digitale per i beni culturali e il turismo di Unimc.

Un mini-sito web su Wikipedia darà conto dei soggetti man mano coinvolti, delle pagine e delle risorse create, da creare, del loro stato di completamento e degli eventi correlati. La prospettiva è però ''virale'', e si spera che il progetto sia via via esteso all'Umbria (Valnerina), al Lazio (Reatino) e all'Abruzzo (Teramano e Aquilano in particolare).

"Il nostro obiettivo - ha sottolineato Feliciati - è accendere un piccolo fuoco benefico e soffiarci sopra finché avremo fiato affinché prosegua nella direzione giusta''.

Tutti possono contribuire: diocesi, eruditi locali, piccole biblioteche, imprese, associazioni, responsabili dei presidi alimentari, giusto per fare qualche esempio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui