ASL L'AQUILA: CGIL, ''ANCORA
TROPPI PROBLEMI IRRISOLTI, MA
SI PENSA SOLO ALLE NOMINE''

Pubblicazione: 08 gennaio 2019 alle ore 18:42

L'AQUILA - "Ancora tanti i problemi non risolti nella Asl 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila, tra personale carente, turni massacranti, scopertura di turni di guardia attiva, mancata retribuzione degli istituti contrattuali". Così, in una nota, Francesco Marrelli e Anthony Pasqualone della Cgil provincia dell'Aquila.

Dopo le tante denunce sulla situazione di precarietà del sistema sanitario abruzzese e a seguito dello sciopero promosso dall'Anaao lo scorso novembre, che ha registrato il 90 per cento di adesioni, la Regione Abruzzo, attraverso la delibera di Giunta (la numero 863) ha approvato il piano delle assunzioni 2018: 820 tra nuovi contratti a tempo indeterminato e stabilizzazione dei precari, 207 nella provincia dell'Aquila.

"Meglio tardi che mai", era stato il commento del segretario regionale Anaao Alessandro Grimaldi, anche se "siamo un po’ in ritardo, visto che siamo alle soglie del l’anno nuovo ed è stato approvato il piano 2018, ci aspettiamo che adesso si inizi un piano di assunzioni anche per il 2019, perché le carenze sono gravi e credo che in questo momento la salute degli abruzzesi vada tutelata. Se non avremo personale sufficiente, non saremo in grado di garantire il livello essenziale di assistenza. Dobbiamo garantire l’accesso alle cure a tutti, ma per farlo dobbiamo avere personale e tecnologie sufficienti”.

E la Cgil torna così su un tema caldo, ancora irrisolto. "Tra le altre incertezze - aggiunge la Cgil -, c'è il mancato avvio delle procedure di stabilizzazione del personale precario nonostante l’autorizzazione della Regione Abruzzo a seguito dell’approvazione del piano assunzioni 2018, con conseguente proliferare di lavoro in somministrazione, grave ed inaccettabile confusione nella gestione degli appalti, con lavoratori che ad oggi non percepiscono lo stipendio e avvisi per l’assegnazione del servizio di manutenzione di 60 giorni, liste di attesa interminabili e problemi logistici per i lavoratori, mancata applicazione del nuovo Ccnl del Comparto Sanità sottoscritto nel mese di maggio 2018, la soppressione della presenza di pediatri nei territori della valle Subequana, la mancata richiesta di attivazione di posti letto di riabilitazione per anziani e disabili in strutture Pubbliche ed il mancato contenimento della spesa farmaceutica".

"A tutto ciò si aggiunga una mancata scelta di riqualificazione del plesso di Collemaggio da finalizzarsi al recupero del patrimonio immobiliare della Asl e che potrebbe essere riconvertito in 'Casa della Salute', mentre qualcuno continua a parlare di progetto di finanza per il nuovo ospedale dell’Aquila dopo aver speso oltre 57 milioni di euro dal 2009 ad oggi".

"Ricordiamo che proposte, da parte delle scriventi, sulla attivazione delle 'Case della Salute' erano già state avanzate in tutte le macroaree afferenti la Asl Provinciale comprese la Valle Peligna e Marsica, al fine di rendere concreta ed efficace l’integrazione Ospedale/Territorio. Un desolante abbandono della Sanità nell’Alto Sangro, Servizi di Pronto Soccorso in tutti i presidi ospedalieri al collasso con utenti costretti ad attendere ore per essere visitati e con il rischio di non poter essere ricoverati per carenze di posti letto, mancate attuazioni degli indirizzi previsti dall’Atto Aziendale, un Servizio di Assistenza domiciliare Integrata che non è mai arrivato a domicilio".

"L’elenco dei problemi irrisolti - proseguono - potrebbe continuare ancora a lungo, ma qualcuno, da settimane, preferisce discutere di una nomina, condivisa da pochi, del nuovo direttore sanitario Asl che dovrebbe sostituire la dottoressa Teresa Colizza arrivata alla scadenza del suo mandato. Operazione che qualcuno vorrebbe a poche settimane dal voto per le Regionali e con la prossima scadenza al 16 marzo dello stesso direttore generale della Asl".

"E’ necessario ricordare a quei pochi, che nella applicazione della disciplina della proroga degli organi amministrativi, è prevista la possibilità di un proroga di 45 giorni. Termine quest’ultimo, che risulterebbe utile, nel rispetto della norma, all’attivazione delle procedure necessarie per l’individuazione dei nuovi organismi dirigenti. Di contro, le scriventi, ritengono che i prioritari problemi da affrontare e risolvere siano ben altri; riteniamo infatti necessario dare continuità ai servizi sanitari attraverso la stabilizzazione del personale precario, una adeguata programmazione dei servizi esternalizzati che dia continuità lavorativa, ed è solo con lavoro stabile e di qualità che si possono garantire servizi di qualità".

"Anche per questi motivi - osserva la Cgil - non è tollerabile il blocco della contrattazione collettiva ed il mancato recepimento delle nuove disposizioni derivanti dal Ccnl del 21/05/2018. La priorità per la Cgil è rimettere al centro il lavoro ed i servizi che rendano attrattivo l’intero Sistema Sanitario provinciale Pubblico; infatti, siccome non ci appassionano le discussioni su nomine individuali, riteniamo invece che tali scelte, allorquando verranno effettuate, rispondano a requisiti di qualità e di competenza necessari a garantire la gestione di un Ente, come la Asl, che è la Azienda più grande del territorio e pertanto la più complessa e difficile da governare, soprattutto in un territorio che continua a vivere una grave condizione di inesorabile spopolamento delle aree interne".

"Rimettere al centro il lavoro ed i servizi, significa rimettere al centro l’utente/cittadino troppo spesso costretto a barcamenarsi in un contesto confuso e confusionario e troppo spesso dimenticato ed abbandonato a se stesso", conclude la nota.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui