BOTANICA: RICERCATORI SCOPRONO NUOVA PIANTA DELL'APPENNINO

Pubblicazione: 15 aprile 2019 alle ore 17:25

CAMERINO - I ricercatori Fabio Conti e Fabrizio Bartolucci del Centro Ricerche Floristiche dell'Appennino, gestito grazie all'accordo tra l'Università di Camerino ed il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, in collaborazione con Luca Bracchetti di Unicam e Dimitar Uzunov, botanico dell'Università di Cosenza, hanno descritto una nuova pianta: Corydalis densiflora subsp. apennina, dedicata all'Appennino di cui è endemica, ossia vive solo in quel luogo, ed è presente dalle Marche e Umbria fino alla Calabria, sul Pollino. 

Lo studio è partito dalla popolazione del Parco del Gran Sasso che costituisce il locus classicus, la località nella quale è stato raccolto il campione d'erbario di riferimento della nuova entità (il cosiddetto typus).

È un'altra pianta che si aggiunge al già nutrito gruppo di specie descritte dai botanici di Unicam. La costituzione del Crfa sulle pendici meridionali del Gran Sasso si è rivelata strategica per gli studi della flora spontanea. 

Nei giorni scorsi è stato avviato un progetto triennale, finanziato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nell'ambito dei progetti Prin, che permetterà di conoscere e catalogare le piante endemiche italiane, oltre 1.400, un dato che rende l'Italia il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea. 

Promosso dall'Università di Pisa, il progetto vede coinvolti anche i ricercatori Unicam Conti e Bartolucci. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui