CALL CENTER L'AQUILA: COALIZIONE SOCIALE, ''VICENDA E-CARE E' GRAVISSIMA''

Pubblicazione: 10 novembre 2017 alle ore 10:46

L'AQUILA - "In un territorio dove 'piovono' milioni di euro l'anno, la crisi occupazionale è sempre più grave, come dimostrano numerosi rapporti anche di recente pubblicazione. Ne è un esempio lampante la crisi del call center E-Care di Monticchio, dove ben 200 persone sono giudicate dall'azienda in esubero e quindi rischiano di perdere a breve il lavoro, che in molti casi rappresenta l'unica entrata in famiglia".
 
Si legge in una nota della Coalizione sociale dell'Aquila. 
 
"Sindacati, Regione Abruzzo e anche il sindaco Pierluigi Biondi allora candidato in campagna elettorale chiesero in estate l'apertura del tavolo ministeriale. Oggi questo è stato aperto ma finora è servito solo a prendere atto dello strappo dell'azienda, che senza colpo ferire sostiene neanche tanto velatamente la volontà di andare via dall'Aquila. Dalla stessa città, è doveroso ricordarlo, dove era arrivata all'indomani del terremoto nel 2009, attratta dal profumo degli incentivi pubblici", prosegue la nota.
 
"Esprimiamo piena solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici di E-Care - scrive ancora la Coalizione sociale - e ci mettiamo a disposizione per contribuire alla risoluzione del problema. Siamo inoltre consapevoli che, a differenza di quanto sostenuto da alcuni e annunciato dalla destra in campagna elettorale, è oggi velleitario considerare quello dei contact center 'settore strategico per il futuro della città'. E la vicenda E-Care, come quella di altre aziende presenti all'Aquila, ne è la dimostrazione: per ridurre sempre più il costo del lavoro, il settore continua ad essere caratterizzato da una folle corsa al 'massimo ribasso', provocando così continue delocalizzazioni. Inoltre, in assenza di concreti investimenti, in futuro sarà uno dei primi a subire gli effetti dell'automazione tecnologica.
 
"Occorre invece impostare finalmente una visione d'insieme sul futuro dell'economia cittadina, basata innanzitutto sull'innalzamento della qualità e delle condizioni di lavoro, senza perdere di vista l'obiettivo prioritario: evitare di perdere da subito altri posti di lavoro. La città, già fortemente sofferente, non potrebbe reggerlo", conclude la nota. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui