• Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
Abruzzoweb sponsor
Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

CAMERE DI COMMERCIO D'ABRUZZO ALZANO
TASSE ALLE IMPRESE PER PROGETTI SVILUPPO

Pubblicazione: 02 maggio 2017 alle ore 13:13

L’AQUILA - Non solo quella aquilana, ma tutte le Camere di commercio abruzzesi aumentano del 20% le tasse alle imprese per finanziare progetti di sviluppo e servizi.

A renderlo noto è Lorenzo Santilli, presidente della Camera aquilana e, fino a pochi mesi fa, di Unioncamere, in quella che sembra una replica indiretta alla presa di posizione di Confindustria che, nel capoluogo, ha detto “no” alla stangata votando contro.

“Su questo tema abbiamo un problema con Santilli”, ha detto ad AbruzzoWeb il presidente, Marco Fracassi, mentre oggi anche il segretario provinciale della Cisl, Paolo Sangermano, invita l’ente camerale a ritirare la decisione, definita “impopolare quanto intempestiva”.

“L’aumento del 20% deliberato produrrà, per il triennio 2017-2019, complessivamente, una maggiore entrata di circa 320.000 euro all’anno da destinare al progetto in argomento - scrive Santilli - In realtà l’aumento del 20% del diritto camerale è una ‘non diminuzione’ del diritto medesimo, rispetto agli importi previsti per il 2016”.

LA NOTA COMPLETA

Il Consiglio della Camera di Commercio dell’Aquila, riunitosi in 28 Aprile u.s., ha approvato, a maggioranza, il “Progetto Abruzzo - Una iniziativa del sistema camerale abruzzese per la valorizzazione dei territori, tipicità, eccellenze e borghi” da finanziare con le risorse derivanti dall’aumento del diritto annuale del 20% rispetto all’importo previsto per il 2017.

Analoga decisione è stata adottata dai Consigli delle Camere di Commercio di Pescara, Teramo e Chieti.

Come noto, le Camere di commercio sono state interessate da un processo di riforma avviato con l’articolo 28 della L. n. 114/2014, di conversione del D.L. n. 90/2014 ("Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari"), che ha previsto una riduzione graduale del diritto annuale delle Camere di Commercio pari al 35 per cento per l'anno 2015, al 40 per cento per l'anno 2016 e al 50 per cento a decorrere dall'anno 2017, confermando, la possibilità per le Camere di aumentare l’importo del diritto annuale fino ad un massimo del 20%, con le procedure indicate all’art. 18 della legge 580/1993, come modificate dal decreto legislativo 219/2016.

In particolare, l’aumento del diritto è previsto per “il finanziamento di programmi e progetti presentati dalla camere di commercio, condivisi con le Regioni ed aventi per scopo la promozione dello sviluppo economico e l’organizzazione di servizi alle imprese”.

Il ministro dello Sviluppo economico, su richiesta di Unioncamere, valutata la rilevanza dell’interesse del programma o del progetto nel quadro delle politiche strategiche nazionali, può autorizzare l’aumento della misura del diritto annuale, per gli esercizi di riferimento, fino al massimo del venti per cento.

Con lettera dello scorso 8 marzo, indirizzata al presidente di Unioncamere Ivan Lo Bello, il ministro Calenda ha comunicato di condividere le due proposte progettuali “Punti Impresa Digitale” e “Servizi di Orientamento al Lavoro e alle Professioni” e ha, inoltre, espresso orientamento favorevole ad “autorizzare per entrambe le soluzioni l’incremento del diritto annuale, nella misura necessaria alla loro realizzazione fino ad un massimo del 20%, per il triennio 2017-2019”, in coerenza con la previsione normativa sopra citata”, ritenendole rispondenti alle finalità della legge di riforma e alle strategie del Governo.

A questi due progetti si aggiunge la linea progettuale dell’area Turismo e Cultura, che si inquadra nella strategia nazionale del settore, con particolare riferimento al Piano Strategico del Turismo 2017-2022, elaborato dal Comitato Permanente di Promozione del Turismo (art. 4 DM 8/8/14), con il coordinamento della direzione generale Turismo del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo - Mibact, con l’obiettivo di dotare di una visione unitaria l’Italia del turismo e della cultura, rispondendo all’esigenza di porre il settore turistico al centro delle politiche di sviluppo del Paese.

Le Camere di Commercio abruzzesi hanno ritenuto che le risorse derivanti dall’aumento del 20% del diritto dovessero essere investite interamente su un unico progetto di natura trasversale, su turismo e cultura, finalizzato alla valorizzazione dei territori, delle tipicità, delle eccellenze e dei borghi, progetto che coinvolge le imprese di tutti i settori, dall’agricoltura, all’industria, all’artigianato, al terziario di mercato, ai servizi e alle imprese di più piccola dimensione, incluse quelle individuali, anche nell’ottica del superamento della comunicazione mediatica negativa derivante dagli eventi calamitosi del gennaio di quest’anno (sisma ed eventi meteorologici) e della conseguente esigenza di rilancio dell’offerta turistica locale.

La Regione Abruzzo, in persona del vice presidente Giovanni Lolli, assessore alle Attività produttive e al Turismo, con nota 849 del 26 aprile 2017, ha espressamente condiviso il “Progetto Abruzzo - Una iniziativa del sistema camerale abruzzese per la valorizzazione dei territori, tipicità, eccellenze e borghi” ai fini della richiesta, da parte di UnionCamere, al ministro dello Sviluppo economico, dell’autorizzazione all’aumento, per gli esercizi finanziari 2017 - 2018 - 2019, del diritto annuale nella misura del 20%.

Il progetto si propone la valorizzazione e la promozione del turismo, tramite azioni assolutamente in linea con gli indirizzi del Piano strategico nazionale elaborato dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, con l’obiettivo di: accrescere la competitività del sistema turistico, tramite la digitalizzazione e lo sviluppo e la qualificazione delle imprese del turismo; sviluppare un marketing efficace e innovativo, tramite azioni di promozione sul mercato interno, digitalizzazione dei servizi di promozione e commercializzazione; sviluppare una strategia per l’intercettazione dei target turistici, tramite iniziative sui paesi esteri incentrate sulle tematiche dei borghi, dei parchi, delle tipicità del territorio;  sviluppare una adeguata campagna di promozione e comunicazione, in coerenza anche con il concept proposto dalla Regione Abruzzo sulla “autenticità” del nostro territorio.

Trattasi di un progetto organizzato per azioni di intervento che saranno esplicitate, così come da richiesta, attraverso tavoli di partecipazione e condivisione del sistema produttivo regionale e provinciale e troveranno attuazione esclusivamente attraverso bandi pubblici.

L’aumento del 20% deliberato produrrà, per il triennio 2017-2019, complessivamente, una maggiore entrata di circa 320.000 euro all’anno da destinare al progetto in argomento.

In realtà l’aumento del 20% del diritto camerale è una “non diminuzione” del diritto medesimo, rispetto agli importi previsti per il 2016.

Pertanto, senza l’incremento deliberato, il risparmio conseguito dalle imprese, rispetto alle varie tipologie, oscillerebbe tra 9 euro annui per quelle individuali, 20 euro annui per le società semplici non agricole e le imprese individuali in sezione ordinaria e al massimo 281 euro annui per le società in sezione ordinaria con oltre 50 milioni di fatturato. Restano invece invariati i diritti di segreteria e di certificazione.

CONFCOMMERCIO: "DIRITTI CAMERALI INVARIATI"

"In merito all’entità dei diritti camerali deliberato nei giorni scorsi dal Consiglio dell’Ente, riteniamo utile precisare che l’importo dei medesimi resterà invariato rispetto al 2016, per l’intero sistema delle micro e piccole imprese della Provincia".

Lo affermano in una nota il direttore e il presidente di Confcommercio, Celso Cioni e Roberto Donatelli.

"Tutto ciò  nel contempo consentirà di varare uno strategico investimento teso al rilancio turistico e culturale del nostro comprensorio e che produrrà positive ricadute su tutte le categorie produttive, considerato che, secondo i nostri centri studi nazionali, su 100 euro spesi nel settore turistico ben 80 restano sull’economia provinciale - continua la nota - Per tale ragione, unitamente a ben 18 dei 22 consiglieri camerali, i rappresentanti di Confcommercio hanno votato convintamente il provvedimento, che contribuirà al concreto rilancio turistico e culturale dell’intero comprensorio provinciale e regionale".

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

CAMERA COMMERCIO AQ: PIU' TASSE ALLE IMPRESE, CONFINDUSTRIA VS SANTILLI

L’AQUILA - Più tasse alle imprese della provincia dell’Aquila per finanziare le destination management company (Dmc), società private di recente costituzione finalizzate ai servizi sul turismo che usufruiscono di anche di contributi pubblici. E scoppia la polemica... (continua)

L'AQUILA: PIU' TASSE ALLE IMPRESE PER STUDIO SU DMC, CONFINDUSTRIA ''CON SANTILLI ABBIAMO UN PROBLEMA''

L'AQUILA - Si spacca il mondo produttivo aquilano sul caso delle tasse alzate alle imprese per finanziare le destination management company (Dmc), società di servizi turistici, provvedimento votato da parte della Camera di commercio. "C'è stato il... (continua)

L'AQUILA: AUMENTO TASSE A IMPRESE, ANCHE CISL DICE NO ''CAMERA COMMERCIO RITIRI DELIBERA CHE FINANZIA DMC''

L'AQUILA - "La Camera di commercio dell'Aquila ritiri il provvedimento che stabilisce l'aumento del 20 per cento delle tasse alle imprese della nostra provincia. Una decisione impopolare quanto intempestiva, in un momento in cui tutto il... (continua)

ALTRE NOTIZIE

    Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui