CANTIERI DELL'IMMAGINARIO: 54 EVENTI IN 30 GIORNI
ALL'AQUILA E FRAZIONI, ''RIVIVERE I NOSTRI LUOGHI''

Pubblicazione: 10 luglio 2017 alle ore 11:49

Dania Aniceti, Sabrina Di Cosimo e Antonio Massena
di

L’AQUILA - “Quest’anno la novità dei Cantieri dell’Immaginario è l’apertura alle frazioni, dove saranno replicati gli eventi culturali della rassegna, per esempio alla Madonna d’Appari”.

Ad annunciarlo nel corso di un incontro con la stampa la dirigente del settore Cultura del Comune dell’Aquila, Dania Aniceti nel presentare la sesta edizione della kermesse estiva.

Si è trattata anche della prima uscita pubblica del neo assessore al ramo, Sabrina Di Cosimo, mentre i dettagli del programma sono stati illustrati dal direttore artistico, Antonio Massena.

Tra i numeri, 30 giorni di programmazione continuativa, dal 13 luglio all’11 agosto, 54 eventi, tutti a ingresso gratuito ma alcuni a prenotazione obbligatoria, oltre 500 artisti, 21 location di cui 13 mai utilizzate. Il programma completo è sul sito www.icantieridellimmaginario.it.

L’esordio sarà giovedì prossimo, 13 luglio, alle 18 con “Girovagando nel mondo di Gadda” all’Auditorium del Parco del Castello.

“Ho sempre seguito questi eventi da cittadina e spero che gli aquilani diventino dei veri e propri abbonati - ha detto l'assessore - I Cantieri sono nati per farci rivivere i nostri luoghi identitari cui siamo affezionati. Gli aquilani dovranno riappropriarsi dei propri spazi culturali e del centro storico, valorizzando un patrimonio immenso".

 Tratteggiando qualche linea programmatica, la Di Cosimo ha promesso che "fare cultura sarà dare un valore aggiunto alla nostra qualità di vita da aquilani. Ogni evento deve portare un ritorno economico diretto e indiretto, cercheremo di valorizzare le risorse, i talenti e le associazioni”.

“La mission dei Cantieri si esaurirà quando il centro storico aquilano sarà tornato quello che era, uno dei sei migliori d’Italia”, ha rimarcato Massena.

Da rilevare, nel cartellone, “una serie di appuntamenti di danza e teatro danza organizzati da Emotion, l’unica compagnia professionale, una serie di appuntamenti dei Solisti aquilani che si metteranno in rete con il Conservatorio per favorire la crescita artistica dei ragazzi. Il ‘Casella’, assieme al Centro sperimentale di cinema e l’Accademia Belle arti - ha assicurato il direttore - dovrà sempre più essere al servizio della città e delle istituzioni”.

Massena ha anche sottolineato l’evento “Musica senza fine con Gino Paoli assieme ai Solisti, e poi un ampio programma della Barattelli, con concerti in luoghi simbolo riaperti, come il chiostro del convento di Santa Chiara, appena restaurato. Ancora - ha proseguito - una serie di eventi dell’Istituzione sinfonica, tra cui una prima assoluta che nasce per i Cantieri, Assedio, con testi della giornalista Lucia Goracci. Il Brucaliffo e Teatrabile terranno eventi in forma di percorsi nel centro storico. Accanto agli spettacoli ci sono i laboratori come quelli di Chiasma”.

La dirigente Aniceti ha rimarcato la storia dei “Cantieri”, “manifestazione molto cresciuta in questi anni. Per i primi due anni - ha ricordato - ha usufruito di un finanziamento ministeriale, il terzo anno ha vinto il primo posto di un bando, segno della valenza identitaria. Poi gli eventi sono stati finanziati prima dal solo Comune, e senza perdere qualità, e infine aperti a tutte le associazioni”.

Quest’anno il budget è coperto dai fondi stanziati dal 4% del bottino complessivo della ricostruzione post-terremoto, assegnati ai Cantieri dall’ultima delibera della Giunta Cialente approvata lo scorso 8 giugno, per un totale di 291 mila euro.

Sui fondi, sempre Massena ha detto che “per quanto riguarda gli alberghi, i service e la comunicazione sono rimasti in città i fondi investiti, che hanno inciso nel budget complessivo per il 30%. Poi ci sono risorse indirette nel budget delle associazioni, e nella fase organizzativa: tutte risorse economiche che restano in questo territorio e vogliamo continuino a rimanere qui”.

Infine, le questioni di sicurezza con le norme antiterrorismo. “Quest’anno non viene utilizzata la Fontana delle 99 Cannelle, che ha il problema di avere un unico accesso e uscita, alla cancellata - ha detto il direttore artistico - L’anno scorso fu concesso a sole 99 persone l’ingresso, ma è riduttivo perché lì ce ne entrano 250. Finché non troviamo una soluzione a questo, è uno spazio poco adatto anche viste le norme precise imposte dalla circolare del capo della Polizia Franco Gabrielli”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui