CASA STUDENTE: DI STEFANO, ''A GIUGNO E' DEMOLITA,
CITTADINI POSSONO RIENTRARE'' ROCCI: ''NON E' VERO''

Pubblicazione: 07 marzo 2017 alle ore 17:06

Il 'ground zero' della Casa dello studente visto dall'alto

L’AQUILA -“Rimango basito riguardo le dichiarazione fatte dall’assessore alla Ricostruzione Di Stefano sul caso delle 70 famiglie che, nonostante la pericolosità della ‘Casa dello Studente’ possono rientrare nelle proprie abitazioni anche senza messa in sicurezza o abbattimento dello stabile stesso. C’è da precisare all’assessore che qui non si tratta di paura”.

Lo scrive in una nota il consigliere di circoscrizione Luca Rocci, del Ctp L’Aquila Centro, in quota Forza Italia, commentando la risposta data dall'assessore Pietro Di Stefano attraverso Laqtv alla sua nota di ieri in cui denunciava il problema.

Di Stefano ha detto che il progetto di demolizione e messa in sicurezza del “ground zero” dello stabile pubblico dove morirono 8 giovani nella scossa delle 3.32 “sarà in Giunta questa settimana, poi faremo una gara pubblica da 700 mila euro a trattativa privata con 15 imprese, per metà giugno sarà demolita”.

L’assessore ha anche polemizzato, “i cittadini se vogliono possono già rientrare, capisco la loro paura e le loro ansie, ma ci siamo mossi. Demoliamo, così finisce anche questa speculazione con l’avvicinarsi delle elezioni”.

Affermazioni contestate da Rocci. “Lo scorso 12 gennaio 2017 a risposta della nota inviata da uno degli amministratori dei 3 condomini di via XX settembre n° 52 è seguita una lettera di risposta a firma del di Vittorio Fabrizi, dirigente del settore Ricostruzione privata, nella quale veniva esplicitato in modo molto chiaro che c’è effettivamente il pericolo di possibili crolli sulla viabilità pubblica e privata prospiciente l’immobile della Casa dello Studente”.

Inoltre, prosegue Rocci, “veniva esplicitato che già erano in fase di avanzamento le procedure amministrative per permettere di intervenire sull’immobile in modo da consentire una rapida soluzione della problematica e ripristinare l’accessibilità della viabilità in questione. In conclusione - continua - si esplicitava che, poiché non è ancora a oggi possibile fruire in sicurezza la viabilità d’accesso agli immobili, il settore Ricostruzione Privata, nella persona del dirigente Fabrizi, chiedeva al servizio Assistenza alla popolazione di prorogare le forme assistenziali a tutti i condomini fin quando non fosse ufficialmente avvenuta una nuova comunicazione di avvenuta cessazione delle condizioni di pericolo per i cittadini residenti e non”.

“Quindi le domande vengono spontanee: come può dire l’assessore alla Ricostruzione che la casa dello studente è rimasta in piedi 8 anni e quindi non può esserci nessun pericolo? Come può permettersi di dire che i cittadini hanno timore a rientrare nelle proprie abitazioni? - si chiede polemicamente - E perché mai dice che la strada non è interessata da nessun divieto di fruibilità e che quindi è aperta? Questo non significa speculare, forse qualcun altro sta cercando di farlo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

TERREMOTO 2009: CASA DELLO STUDENTE PERICOLANTE, ''ALL'AQUILA 70 FAMIGLIE NON POSSONO RIENTRARE''

L'AQUILA - Settanta famiglie non possono rientrare nelle proprie abitazioni ristrutturate a seguito del terremoto del 2009, a causa del pericolo rappresentato dalla Casa dello studente, nel cui crollo morirono otto ragazzi, e il cui edificio... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui