CHIAMA 112 PER CADAVERE, MA NON C'E', 61ENNE DI CHIETI DENUNCIATO

Pubblicazione: 07 settembre 2018 alle ore 13:16

PESCARA - Chiama il 112 riferendo di aver rinvenuto un cadavere, ma non era vero.

È accaduto ieri a Pescara dove un 61enne di Chieti, è stato deferito in stato di libertà per il reato di procurato allarme dai carabinieri.

La telefonata era arrivata ieri alle 15 da parte dell'uomo che riferiva di aver visto un cadavere in una pozza di sangue all' interno di un palazzo in costruzione adiacente un supermercato in via Tiburtina.

Prontamente sono giunte sul posto due pattuglie dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pescara riscontrando che si trattava di una falsa segnalazione.

I militari, insospettiti dall'accaduto, hanno appurato che la telefonata era partita da una cabina telefonica poco distante dal luogo segnalato.

Dopo aver preso contatti con i colleghi del Norm in servizio nel quartiere 'Rancitelli', è risultato che avevano notato un uomo nella cabina telefonica allo stesso orario della chiamata.

Rintracciato, il 61enne ha ammesso i fatti senza fornire dettagli.

Accertamenti in corso. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui