• Abruzzoweb sponsor

CHIETI: ANZIANO DECEDUTO IN
CLINICA, AUTOPSIA, INFARTO ESTESO

Pubblicazione: 08 gennaio 2019 alle ore 21:06

CHIETI - E' morto per le conseguenze di un infarto del miocardio molto esteso, che lo aveva portato al ricovero due mesi fa presso il policlinico di Chieti, Giuseppe D'Orazio, un 64enne di Bucchianico morto lo scorso 23 dicembre mentre era ricoverato nella casa di cura Villa Pini di Chieti.

E' la causa del decesso emersa con chiarezza dall'esame autoptico, affidato nella tarda mattinata di oggi ed effettuato nel pomeriggio dal medico legale, Cristian D'Ovidio, il quale che si è riservato 60 giorni per rispondere anche ai quesiti su ipotetiche responsabilità mediche dopo aver esaminato le cartelle cliniche. 

Erano stati i familiari di D'Orazio, pochi giorni dopo il funerale che è stato celebrato il 26 dicembre, a presentare un esposto che ha portato la Procura della Repubblica di Chieti ad aprire un fascicolo per omicidio colposo, notificando l'avviso per partecipare all'autopsia ad una ventina di medici che si erano occupati di D'Orazio sia durante il suo ricovero al policlinico che successivamente a Villa Pini, e a disporre l'autopsia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui