CHIETI: L'ANTIMAFIA INDAGA SU MEGALO' 3, DI PRIMIO ''SONO TRANQUILLO''

Pubblicazione: 29 febbraio 2016 alle ore 07:08

Umberto Di Primio

CHIETI - "Sono molto tranquillo e sicuro di non aver commesso nulla di di penalmente rilevante".

Lo dichiara il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, dopo la chiusura delle indagini preliminari da parte del sostituto procuratore della direzione distrettuale antimafia dell'Aquila Fabio Picuti, relative alla vicenda Megalò 3.

Indagini a carico dello stesso Di Primio, dell'imprenditore Enzo Perilli, del segretario generale dell'Autorità di bacino Michele Colistro, del commercialista della Akka Paolo Di Martino e degli architetti Giovanni Melozzi e Umberto Di Renzo.

Perilli, in particolare, è accusato del traffico illecito di rifiuti e rappresenta l'anello di collegamento con l'inchiesta collegata "Terre d'oro", sugli sversamenti a ridosso del fiume Pescara nella zona, appunto, del Megalò.

Di Primio e Colistro, devono invece rispondere per l'esercizio della funzione, in quanto avrebbero favorito lo stesso Perilli nella realizzazione dell'opera.

Al centro dell'indagine, la realizzazione del progetto Megalò 3. Come si legge sul quotidiano Il Messaggero, i due "per quanto di propria competenza avrebbero favorito l'imprenditore Perilli nella realizzazione dell'imponente opera, superando gli ostacoli burocratici". 

"Aspetto di vedere le risultanze dell'indagine - dice Di Primio - e deciderò di chiedere se essere ascoltato".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui