• Abruzzoweb sponsor

CHIETI: TORNA A RIVIVERE LA MAGIA ANTICA DEL PALIO DE 'LU RACCHIAPPE', MA SENZA CAVALLI

Pubblicazione: 07 maggio 2019 alle ore 06:00

di

CHIETI - Per secoli, e ogni anno, a partire dal '600, protagonisti del palio de “Lu Ricchiappe” di Chieti erano i cavalli lanciati in corsa e senza fantini, in onore di San Giustino patrono, dal piazzale Sant’Anna al cimitero, lungo via Valignani e via Arniense, fino all’antica pescheria, fra due ali di panni stesi  e folle urlanti.

Oggi i cavalli non ci sono più: a competere saranno un uomo e una donna in coppia, legati da una specie di briglia,  in rappresentanza dei vari quartieri della città, mantenendo inalterato il percorso storico.

E sarà comunque un appuntamento da non perdere,  ricco di suggestione, il nuovo palio de "Lu Ricchiappe", che si svolgerà venerdì 11 maggio, dalle ore 17,  organizzata dall’associazione Culturale ScopriTeate

"L'obiettivo - spiega ad Abruzzoweb Stefano Marchionno, uno degli organizzatori della manifestazione-  è quello di far rivivere vecchie tradizioni sensibilizzando un coinvolgente senso di appartenenza che, con l'inserimento della gara podistica, diventa a 360 gradi un evento che tocca tutti gli aspetti: da quello culturale a quello storico, antropologico, sportivo, turistico e commerciale".

Saranno ben undici i quarti che prenderanno parte alla prima edizione del Palio de Lu Ricchiappe: Madonna del Freddo, Sant'Anna, Sacro Cuore, Sant'Angelo, Trivigliano, Madonna delle Grazie, Santa Barbara, Madonna degli Angeli, Colonnetta, Madonna delle Piane e Fornace. I quarti parteciperanno poi alla processione in onore del santo patrono Giustino, dove verranno successivamente benedetti da monsignor Bruno Forte, arcivescovo metropolita di Chieti-Vasto.

“Ovviamente, questa nuova edizione del Palio  - spiega Marchionno - non vedrà la presenza di cavalli,  per rispetto degli animali e per motivi di sicurezza. Si è infatti pensato di riproporre il Palio come gara podistica riservata a coppie, un uomo e una donna legati da una specie di briglia, in rappresentanza dei vari quartieri della città, mantenendo inalterato il percorso storico".

Il Palio, detto anche  "corsa dei cavalli barberi" o "carriera" è molto antica, si collocava infatti nel programma dei festeggiamenti per le feste del santo patrono Giustino, ed è documentata già a partire dalla meta del XVII secolo.

I cavalli senza fantino venivano sistemati dietro uno steccato e fatti partire fino ad arrivare davanti a quella che oggi è è l'ex pescheria, dove venivano letteralmente "riacchiappati" da un grosso panno bianco.

La risonanza della corsa nei secoli trova espressioni nel linguaggio corrente tutt'oggi: la più famosa è "Lu cavalle bbone se vede a lu ricchiappe".

La manifestazione nata da un’idea di Pietro Marchesani, ha coinvolto successivamente gli altri organizzatori che sono: Concetta de Santis, Maurizio Formichetti, Luca Cipollone, Paolo Rapposelli e il citato Stefano Marchionno.  Mossiere e Governatore del Palio sarà Alceo Esposito.

Al vincitore del Palio verrà donato un dipinto della pittrice teatina Antonella Di Cristofaro.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui