CHIUSURA CIM SULMONA: ASL PRESENTA RICORSO CONTRO ORDINANZA SINDACO

Pubblicazione: 21 novembre 2017 alle ore 12:48

Rinaldo Tordera

SULMONA - Sospendere o annullare l’ordinanza di chiusura del sindaco, ridare agli utenti l’efficiente servizio erogato fino a pochi giorni fa, abbandonare la sede provvisoria dell’ospedale e tornare negli ampi locali di viale Mazzini.

Sono gli obiettivi alla base del ricorso della direzione Asl, presentato ieri al Tar, contro il provvedimento del sindaco di Sulmona (L'Aquila), Annamaria Casini, con cui il 13 novembre scorso è stata disposta la sospensione dell’attività di Cim (Centro igiene mentale) e centro diurno psichiatrico di Sulmona, dopo un’ispezione dei Nas nei locali di viale Mazzini che ospitavano i servizi.

La Asl chiede sia la sospensione sia l’annullamento dell’atto assunto dal primo cittadino.

Le irregolarità rilevate, come è stato verificato dal dipartimento di prevenzione della Asl in un sopralluogo, sono del tutto ininfluenti ai fini dello svolgimento dell’attività di assistenza - dice l'azienda sanitaria in una nota - La decisione del sindaco di dare lo stop al servizio ha costretto l’azienda sanitaria a spostare altrove i servizicon forti disagi dei malati ele ripetute proteste.

Tra i tentativi fatti dalla Asl per cercare di tutelare pazienti con patologie così delicatec’è anche la richiesta inviata al sindaco Casini (il 14 novembre) di rinviare di 30 giorni la decorrenza del provvedimento di chiusura: istanza che però non ha avuto risposta.

La soluzione temporanea che la Asl è stata costretta a prendere su due piedi, col trasferimento dell’attività di assistenza da viale Mazzini all’ospedale, non consente di assistere al meglio i pazienti ai quali vanno somministrate terapie in modo continuativo: disagio che potrebbe ripercuotersi negativamente sugli utenti.

“La nostra priorità assoluta”, dichiara nella nota il direttore generale della Asl, Rinaldo Tordera, “è quella di tutelare la salute di pazienti fragili e con patologie croniche che hanno bisogno di un’assistenza costante, puntuale e meticolosa che solo la sede di viale Mazzini, ampia e organizzata sul piano logistico, può assicurare.  E’ nostro dovere fare del tutto per offrire la migliore assistenza possibile amalati e famiglie”.

La battaglia della Asl, finalizzata al ripristino dei precedenti livelli di cura di Cim e centro diurno psichiatrico, nei giorni scorsi ha registrato il sostegno delle associazioni dei pazienti e di quelle per i diritti del malato, tra cui Cittadinanzattiva, che ha preso chiaramente posizione invitando il sindaco a valutare l’opportunità di revocare il suo provvedimento.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui