Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

CHIUSURA GUARDIE MEDICHE: ASL TERAMO ''SI APPLICA DECRETO COMMISSARIALE''

Pubblicazione: 11 agosto 2016 alle ore 13:27

TERAMO - "La norma nazionale (articolo 64, comma 2, dell’accordo collettivo nazionale per la medicina generale in vigore dal 2006 e sottoscritto da tutti i sindacati di categoria) prevede che il 'numero di medici inseribili nei servizi di continuità assistenziale di ciascuna Asl è definito dal rapporto 1 medico ogni 5.000 abitanti'. Il successivo comma 3 riconosce la facoltà alle Regioni di indicare “per ambiti di assistenza definiti”  un rapporto diverso, in aumento o diminuzione e comunque non superiore al 30% e cioè da un minimo di 1/3.500 a un massimo di 1/6.000".

Lo specifica la Asl di Teramo in relazione all'allarme lanciato da Ercole Core, presidente teramano della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) che ha parlato delle chiusure delle sedi delle guardie mediche di Castellalto, Colledara e Nereto.

Intanto è annunciata per la ripresa autunnale dei lavori parlamentari un'interrogazione parlamentare del deputato Giulio Sottanelli di Scelta civica per chiarire il caso.

Continuano, comunque, anche le prese di posizione degli amministratori locali fortemente critici sulla decisione,come il sindaco di Colledara, Manuele Tiberii.

LA ASL: "APPLICHIAMO IL DECRETO"

"La Regione Abruzzo, però, non ha mai applicato tale norma sino all’emanazione del Decreto del Commissario ad Acta n. 24 del 2012 col quale impose alle Asl di provvedere alla riorganizzazione del numero delle sedi di Continuità Assistenziale richiamandole ad attenersi al rapporto ottimale di un medico ogni 5.000 abitanti. Fermo restando il rapporto ottimale 1/5.000 a livello aziendale complessivo, era previsto che sedi delle zone disagiate potessero avere  un rapporto di 1 medico ogni 3.500 abitanti mentre quelle ad alta densità abitativa 1 medico ogni 6.000 abitanti", aggiunge.

"Poiché, a quell’epoca, i dati Istat indicavano una popolazione della provincia di Teramo pari a 311.590 abitanti, il numero di medici addetti alla continuità assistenziale in tutta la Asl non poteva superare i 62 medici - aggiunge - I medici addetti al servizio al momento dell’emanazione del decreto erano ben 88 distribuiti in 24 sedi (la sede di Teramo che serviva una popolazione di oltre 64 mila abitanti, aveva due medici a turno). Pur arrotondando il numero di medici per eccesso a 64 il numero di sedi che potevano essere previste era di 15 (Teramo sempre con doppio turno) e, perciò, occorreva tagliare almeno 6 sedi di continuità assistenziale".

"Considerando che per ogni sede, al fine di assicurare la copertura del servizio, occorrono 4 medici ne conseguiva che una sede in zona disagiata doveva avere almeno 14.000 abitanti, una normale 20 mila abitanti, una ad alta densità abitativa 25.000 abitanti. Anche prevedendo nelle zone montane il rapporto 1/3.500, comunque alcuni territori che avrebbero dovuto coprire con una sola sede erano troppo estesi per essere adeguatamente serviti. Per tale motivo abbiamo previsto che nelle zone ad alta intensità si dovesse aumentare il rapporto oltre 1/6.000 (ad esempio Teramo, Giulianova, Roseto) e in altre abbassarlo al di sotto del 1/3.500 (Imposte, Isola del G.S., Bisenti, Montorio) ma sempre restando nel rapporto 1/5.000 a livello della Asl completa".

"La scelta delle sedi è stata fatta tenendo conto sia del numero di visite effettuate in ogni sede, sia sulla base della distanza chilometrica tra una sede e l’altra. Sono state tagliate così quelle con minor attività - prosegue la nota - Ad esempio Torricella e Valle Castellana registrano una visita domiciliare ogni 36 ore di servizio ed una visita ambulatoriale ogni 24 ore di servizio per una spesa per ogni visita di circa 660,00 euro; Fano Adiano è solo leggermente migliore (uguale quelle domiciliari ma con una visita ambulatoriale in ogni turno di 12 ore) con una spesa per visita di oltre 450,00 euro".

"In altri casi si è proceduto all’accorpamento di una sede con una vicinissima come nel caso di Colledara con  Isola del Gran Sasso che dista solo 6 chilometri - specifica - Anche accorpandole si raggiungerebbe solo una visita domiciliare e 5 visite ambulatoriali ogni 12 ore di servizio. Anche gli ultimi dati confermano la bassa utilizzazione del servizio. Ad esempio nel mese di luglio 2016 la sede di Castellalto ha eseguito solo 38 visite domiciliari e quella di Colledara addirittura solo 15. La Asl di Teramo adottò, con questi criteri, la deliberazione n. 4 del 7.1.2013 che fu preliminarmente condivisa con i principali sindacati di categoria a livello locale. Tale deliberazione fu recepita dalla Regione che a sua volta emanò un secondo Decreto attuativo: il 61 del 27.8.2013. Avverso il provvedimento della ASL di Teramo due Comuni adirono il TAR richiedendo l’annullamento della deliberazione. Per tale motivo la ASL di Teramo non ha proceduto, in attesa di un pronunciamento della giustizia amministrativa, a dar corso alla descritta riorganizzazione".

"In tutto questo periodo di tempo, quando una sede perdeva un medico per trasferimento o dimissioni, la ASL non ha potuto bandire nuove pubblicazioni per incarichi a tempo indeterminato (in quanto le riorganizzazione avrebbe richiesto un taglio del numero di medici) bensì ha sopperito alle esigenze conferendo incarichi temporanei. Alcuni medici, però, hanno ricorso alla Regione sostenendo che il mancato bando di incarichi a tempo indeterminato di fatto provocava loro un danno - prosegue - Il competente Ufficio Regionale ci ha richiesto le ragioni di tale situazione e la nostra risposta si è fondata sul fatto che proprio in virtù dei ricorsi al Tar non avevamo proceduto ancora alla riorganizzazione (con conseguente taglio del numero di medici) e che, comunque, in attesa delle determinazioni del TAR non potevamo assegnare incarichi a tempo indeterminato. Con lettera del 18.7.2015 il competente Ufficio Regionale ha esplicitato che “l’esistenza di contenziosi davanti al TAR non è un dato dirimente e non attribuisce all’Amministrazione la facoltà di soprassedere dal dare esecuzione ad un decreto commissariale (il 61  del 2013) autoritativo, perfetto ed efficace”.

"In tale situazione la Asl di Teramo non poteva che dar corso alla riorganizzazione delle sedi di continuità assistenziale e, pertanto, ha adottato un atto (la Deliberazione del 9.8.2016) di graduale riduzione del numero delle sedi che si concluderà nell’arco di sei mesi - specifica la nota - Si tenga conto che la continuità assistenziale non è un servizio di emergenza (tanto è vero che da molti anni non si chiama più “Guardia Medica”) bensì un servizio che prevede la continuità, nelle ore notturne e festive, con il servizio del medico di famiglia per quelle patologie che non possono attendere l’indomani ovvero il giorno post festivo. Tra l’altro con l’istituzione del numero unico della continuità assistenziale (operante già da due anni) viene inviato a domicilio del paziente il medico disponibile più vicino indipendentemente anche dalla sede specifica".

"Rispondere alle emergenze (quelle che richiedono un tempo di intervento al di sotto dei 60 minuti) non è un compito della Continuità Assistenziale bensì del Servizio 118, tra l’altro la centrale della Continuità Assistenziale è attigua alla centrale 118 proprio per ben discriminare la richiesta ed allertare subito uno o l’altro servizio. Com’è noto, inoltre, la Asl di Teramo a seguito delle nuove determinazioni regionali sta operando un potenziamento del 118 con l’istituzione di ulteriori sedi, l’acquisto di nuovi mezzi, l’assunzione di ulteriore personale - conclude - La Asl di Teramo, comunque, non esclude la possibilità di rivedere le decisioni, qualora si manifestassero reali esigenze assistenziali".

A SETTEMBRE INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DI SOTTANELLI

"I cittadini saranno costretti a spostarsi di molti chilometri o a riversarsi nei pronto soccorso anche per problemi banali e meno gravi. L'onorevole Giulio Sottanelli sta predisponendo una nuova interrogazione al Ministro che sarà presentata alla ripresa dei lavori parlamentari, in particolare sulle tre sedi di guardia medica di Castellalto, Colledara e Nereto per le quali è prevista la chiusura già dal 1° ottobre".

Lo afferma il coordinatore provinciale di Abruzzo Civico, Carlo Simone, a proposito della recente delibera della Asl di Teramo che prevede la chiusura di sette sedi di guardia medica (Campli, Castellalto, Cermignano, Colledara, Fano Adriano, Nereto, Valle Castellana) in modo definitivo e lo spostamento della sede di Torricella a Rocca Santa Maria.

"Ci eravamo già battuti per la chiusura del 118 di Isola del Gran Sasso portando il caso in Parlamento con un'interrogazione rivolta dall'onorevole Sottanelli e al ministro della Salute Beatrice Lorenzin: faremo lo stesso anche per questo provvedimento sulla chiusura delle guardie mediche"

"Il processo di riorganizzazione della sanità sul territorio - aggiunge - Non può essere calato così dall'alto, soprattutto quando si tratta di decisioni che intervengono su servizi sanitari di base e rischiano di congestionare la rete dell'emergenza, chiediamo che ci sia un confronto più ampio e che questa decisione venga ripensata".

"Decisioni come questa - aggiunge Siriano Cordoni, medico di base e membro del coordinamento provinciale di Abruzzo Civico - Minano dalle fondamenta il sistema sanitario pubblico, con la chiusura delle guardie mediche si nega ai cittadini la sicurezza di avere un medico a disposizione 24 ore su 24. Se di giorno i cittadini possono rivolgersi al medico di base, di notte e nei festivi non resterà che rivolgersi ai pronto soccorso. Ma sappiamo bene che non tutte le patologie sono di competenza del pronto soccorso, molte problematiche possono essere trattate dal medico di base o dal medico di guardia".

"Questa delibera - conclude - Fa saltare quella funzione di filtro che hanno sia il medico di famiglia che quello di guardia, ovvero la funzione di selezionare i casi che devono o non devono andare in pronto soccorso, così si rischia di incrementare file nei pronto soccorso che non saranno più in grado di gestire al meglio le emergenze poiché impegnati con i casi più banali".

SINDACO COLLEDARA: "L'ENNESIMO SCHIAFFO"

"L'ennesimo schiaffo alle aere interne che, oltre a subire il persistere delle conseguenze della grave crisi economica, ora vedono anche negato Il diritto alla salute" così afferma il sindaco di Colledara (Teramo), Manuele Tiberii, a proposito della chiusura delle sedi di continuità assistenziale (ex guardia medica) nei comuni di Colledara, Castellalto e Nereto (Teramo).

"Con la chiusura delle guardie mediche - continua il sindaco - Aumenta sempre di più la distanza tra il cittadino e le strutture sanitarie, sempre più lontane dalle vere esigenze dei cittadini. Ci troviamo nuovamente a subire decisioni prese dall'alto senza un minimo di condivisione con il territorio, basandosi esclusivamente su dei numeri già ampiamente contestati".

"Tutta l'amministrazione ha intenzione di intraprendere qualsiasi misura al fine di garantire il mantenimento di questo servizio strategico ed essenziale per tutta la vallata. Riteniamo - conclude il primo cittadino - Incomprensibile redigere un piano di riordino basandosi esclusivamente su tagli, sempre e solo a discapito delle aree interne già ampiamente penalizzate in passato".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

TERAMO: TAGLI A GUARDIE MEDICHE, ''PENALIZZATO IL TERRITORIO''

TERAMO - Con delibera del 9 agosto, la Asl di Teramo ha recepito una sollecitazione del servizio di medicina territoriale della Regione Abruzzo con cui si intimava a di dare seguito alla delibera commissariale di riorganizzazione... (continua)

TERAMO: CHIUSURA GUARDIE MEDICHE, INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

TERAMO - "I cittadini saranno costretti a spostarsi di molti chilometri o a riversarsi nei pronto soccorso anche per problemi banali e meno gravi. L'onorevole Giulio Sottanelli sta predisponendo una nuova interrogazione al Ministro che sarà... (continua)

TERAMO: CHIUSURA GUARDIE MEDICHE, SINDACO COLLEDARA ''E' UNO SCHIAFFO''

COLLEDARA - "L'ennesimo schiaffo alle aere interne che, oltre a subire il persistere delle conseguenze della grave crisi economica, ora vedono anche negato Il diritto alla salute" così afferma il sindaco di Colledara (Teramo), Manuele Tiberii, a proposito... (continua)

ALTRE NOTIZIE

Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui