• Abruzzoweb sponsor

IN POLE POSITION I PENTASTELLATI VACCA, USCENTE, E ZENNARO, TRA I DEM LEGNINI, PEZZOPANE E D’ALFONSO. FEBBRILI TRATTATIVE, IMPAZZA IL TOTO MINISTRI E SOTTOSEGRETARI

CRISI GOVERNO: GLI ABRUZZESI FAVORITI IN CASO DI UN ESECUTIVO PD-CINQUE STELLE

Pubblicazione: 23 agosto 2019 alle ore 08:10

LìAQUILA - Suggestioni, ma forse neanche troppo.

Sono ore frenetiche, queste, per la formazione di un nuovo governo. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, martedì prossimo effettuerà un nuovo giro di consultazioni.

Ha detto apertamente di aver ricevuto indicazione dai partiti della volontà di provare a cercare una maggioranza parlamentare.

Operazione complessa, visti i numeri, ma che il capo dello Stato vuole tentare di agevolare preservando le prerogative costituzionali.

In questo turbinio di vertici, riunioni, dichiarazioni, piani, strategie e offerte c’è chi, anche in Abruzzo, può ambire a un posto nel futuro esecutivo. Il toto-ministri e sottosegretari già impazza.

Nel Movimento Cinque Stelle il sottosegretario ai Beni culturali, Gianluca Vacca, commissario per la ricostruzione dei Beni culturali, secondo addetti ai lavori e vertici pentastellati, ha ben operato e potrebbe, a ragione, giocarsi una riconferma.

Magari nella logica della continuità, nello stesso Dicastero.

Sotto la sua gestione, ricordando fonti del M5S, é stato varato il piano culturale per il Decennale, ma soprattutto sono tuttora in piedi i progetti di riforma delle sovrintendenze, con la conferma di quella creata appositamente per il Cratere del terremoto dell’Aquila, e quello dell’istituzione di una sede distaccata all’Aquila del museo di arte contemporanea di Roma, il Maxxi.

Attenzione, però, anche al giovane deputato, appena 35 enne, Antonio Zennaro, eletto il 4 marzo dello scorso anni con un risultato netto nel collegio uninominale di Teramo.

Ha estimatori e ambisce al grande salto, potendo vantare un’amicizia, si dice solida, con il leader pentastellato e vice premier Luigi Di Maio, del quale è stato ed è un consigliere ascoltato per temi legati ad economia e finanze.

Nel caso in cui si arrivasse a una intesa Cinque Stelle - Pd, tra i dem sarebbero tre i nomi di peso. La suggestione dell’ultim’ora è legata all’aquilana Stefania Pezzopane, più volte parlamentare, oggi deputata, personaggio molto conosciuto a livello nazionale anche per il suo fidanzamento con il più giovane Simona Coccia Colaiuta, che ha intessuto una fitta e importante rete di contatti a Roma, con una strategica e mirata operazione di lobbying politica.

Giovanni Legnini potrebbe tornare nella Capitale, mettendo a servizio di un possibile esecutivo l’esperienza maturata come vice presidente del Consiglio superiore della Magistratura che gli ha dato notorietà nazionale e stima da big delle istituzioni. Sottosegretario o addirittura Ministro della Giustizia sarebbero collocazioni naturali. In questo caso dovrebbe lasciare lo scranno in consiglio regionale, conquistato alle elezioni regionali come candidato alla presidenza per il centrosinistra, con un buon risultato personale e di coalizione caratterizzata da un principio innovativo non più basato sullo strapotere del Pd ma allargato a forze civiche e progressiste.

In tal senso, incassando i complimenti del segretario nazionale, Nicola Zingaretti.

Sulla volontà di ritorno a Roma, l’ex vice presidente del Csm, tra i pochissimi ad uscire indenne dalla bufera che ha coinvolto la importante istituzione, non ha fatto mai mistero.

Se per l’avvocato teatino, ex sottosegretario all’Economia con delega al Cipe, Editoria e alla Ricostruzione post terremoto dell’Aquila, dovesse centrare l’obiettivo, tornerebbe a palazzo dell’Emiciclo, l’ex consigliere regionale del Pd, l’aquilano Pierpaolo Pietrucci, non riconfermato nonostante i 4.760 voti.

C’è, infine, l’ipotesi, già lanciata da Abruzzoweb, di Luciano D’Alfonso, ex presidente della Regione in un mandato a tratti molto teso, ora senatore del Pd, che non ha mai nascosto di ambire al ministro per le Infrastrutture e Trasporti, forte dei rapporti costruiti a Roma anche durante il suo periodo da governatore regionale. Prima con l’ex premier, ex segretario e collega in senato, Matteo Renzi, ora con il nuovo capo politico del Pd Zingaretti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui