L'ASSESSORE E IL SOTTOSEGRETARIO DI ART 1- MDP, ''NOSTRO APPOGGIO
CONDIZIONATO A DECISA SVOLTA E AD UN PROGRAMMA DI FINE MANDATO

CRISI IN REGIONE: DOPO DIMISSIONI GEROSOLIMO E DI
MATTEO, ANCHE SCLOCCO E MAZZOCCA PUNTANO PIEDI

Pubblicazione: 14 marzo 2018 alle ore 17:19

L'AQUILA - "Il nostro apporto nella maggioranza in Regione Abruzzo ci sarà solo a condizione di un programma di fine mandato di discontinuità, chiaro e soprattutto con collegialità nelle scelte".

L’ultimatum arriva da Mario Mazzocca, il sottosegretario Giunta regionale e  Marinella Sclocco, assessore regionale al sociale, in una nota sottoscritta anche dai cooridinatori regionali Tommaso Di Febo e Fabio Ranieri, tutti di Art. 1-Mdp,  forza politica che ha partecipato alle elezioni confluendo in Liberi e Uguali di Pietro Grasso, che però ha racimolato un risultato anche in Abruzzo molto modesto. I due esponenti di maggioranza in Regione invocano ora decisa discontinuità in questo ultimo scampolo di legislatura al  presidente della regione Luciano D’Alfonso, eletto senatore, e a cui le opposizioni chiedono a gran voce le dimissioni immediate, e contestuale ritorno alle urne entro pochi mesi.  

La  presa di posizione di Mazzocca e Sclocco, fa seguito allo strappo annunciato ieri dall’assessore ai Lavori pubblici Donato Di Matteo, ex Partito democratico ora in Regione Facile, e l’assessore al lavoro Andrea Gerosolimo, di Abruzzo civico, che hanno inviato una lettera in cui rimettono la loro carica al presidente, invitandolo contestualmente "ad azzerare l’intera giunta" e ad "avviare una fase che possa portarci a comprendere se ha ancora senso andare avanti, e in caso di risposta affermativa, con quali tempi e modalità". Non si trattano insomma di dimissioni irrevocabili, visto che viene lasciato aperto uno spiraglio. I due hanno addebitato la catastrofe elettorale del centrosinistra in particolare al Pd e anche all’azione della Regione che “ha fallito sul fronte della sanità, sul riequilibrio dei territori, sull'utilizzo dei fondi strutturali, sulla riorganizzazione delle società partecipate e sulle tematiche ambientali".
Partendo dall'amara constatazione che il centrosinistra ha perso, rispetto alle elezioni Regionali del 2014, "la fiducia di circa 18 mila abruzzesi".

Toni più morbidi, e nessuna dimissione, da parte di Sclocco e Mazzocca, che però non lesinano critiche.

"La crisi politica in Regione è oramai sotto gli occhi di tutti – si legge infatti nella loro nota -. pessimo risultato elettorale di tutte le forze di centrosinistra e di sinistra alle elezioni politiche del 4 marzo ha avuto in Abruzzo un dato di particolare gravità anche dovuto, inutile negarlo, ad un giudizio negativo su buona parte delle attività della Regione".

Per i due esponenti di maggioranza, “esistono da tempo e da tempo ci eravamo sforzati di segnalarli, chiedendo che si facessero riunioni di coalizione  per aprire un nuovo percorso politico ancorato a punti chiari e urgenti per i cittadini abruzzesi a livello programmatico e ad un metodo di lavoro diverso nella gestione dell’ente fatto di collegialità nelle scelte che è totalmente mancata”. 

E concludono: "Oggi occorre valutare se in questo scorcio finale di legislatura ci siano ancora margini per un'inversione di tendenza nelle priorità del governo regionale e nel suo modello di guida. Valuteremo le nostre azioni e le nostre proposte, insieme a tutto il gruppo dirigente territoriale, a seguito di questi non più rinviabili approfondimenti con le altre forze politiche di maggioranza". 
 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

REGIONE: GIUNTA D'ALFONSO PERDE PEZZI, DI MATTEO E GEROSOLIMO SI DIMETTONO

di Filippo Tronca
L'AQUILA - L'onda lunga del tracollo del centrosinistra abruzzese alle elezioni politiche del 4 marzo, investe in pieno la maggioranza in Regione Abruzzo: l’assessore ai Lavori pubblici Donato Di Matteo, ex Partito democratico ora Regione Facile,... (continua)

REGIONE ABRUZZO: RAPINO-D'ALESSANDRO, ''PERCHE' MAI AZZERARE LA GIUNTA?''

PESCARA - Il segretario regionale del Partito democratico Abruzzo Marco Rapino e Camillo D’Alessandro, coordinatore della maggioranza di centrosinistra in consiglio regionale, intervengono sulla richiesta di azzeramento della giunta avanzata dagli assessori regionali Donato Di Matteo... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui