CROLLO CONVITTO, EX PRESIDE
BEARZI CHIEDE DI TORNARE
A SCUOLA DOPO LA GRAZIA

Pubblicazione: 07 maggio 2018 alle ore 10:11

Livio Bearzi

L'AQUILA - L'ex preside del Convitto nazionale dell'Aquila, dove la notte del terremoto morirono tre minorenni a causa dei crolli, e per questo condannato a 4 anni di carcere, chiede di essere reintegrato a scuola.

La richiesta di Livio Bearzi, 61enne friulano, arriva a sei mesi dalla grazia che gli è stata concessa dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

L'ufficio scolastico del Friuli ha chiesto un parere dell'Avvocatura dello Stato.

La richiesta di Bearzi poggia sul fatto che le sanzioni sono state scontate per cui è un cittadino libero a tutti gli effetti.

La grazia del capo dello Stato arrivò dopo una mobilitazione del mondo della scuola e da parte della politica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

SISMA L'AQUILA: CONCESSA GRAZIA A EX RETTORE CONVITTO, MATTARELLA DICE SI'

L'AQUILA - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha concesso la grazia sulla pena accessoria al dirigente scolastico friulano Livio Bearzi.  Il provvedimento ha condonato l'interdizione dai pubblici uffici che gli era stata applicata a seguito della condanna per il... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui