CYBERCRIMINE: A CHIETI IL SUPERCOMPUTER PER CONTRASTARE FENOMENO

Pubblicazione: 09 ottobre 2018 alle ore 17:35

CHIETI - Gestisce 40 mila segnali di allerta al giorno l'unico supercomputer attivo in Italia contro gli attacchi hacker e uno dei pochi in Europa specializzato nella prevenzione e nella gestione delle minacce della criminalità informatica. 

Molte delle informazioni che analizza e 'ricorda' sono segnali della durata di millisecondi che sfrecciano nel dark web, cruciali per riuscire a prevedere, oltre che a combattere, il Cybercrime. 

Il supercomputer si trova a Chieti, nel Security Operation Centre della Leonardo, ed è il braccio destro degli esperti di sicurezza informatica, che con il suo aiuto riescono a sventare mille attacchi ogni giorno. 

"La prevenzione è la nuova regola nella lotta al cybercrime", ha osservato Andrea Campora, responsabile della linea di business Cyber security & Ict di Leonardo, nel giorno in cui il Centro ha aperto le porte alla stampa. 

"Ogni attacco - ha spiegato - lascia tracce digitali, proprio come accade su una qualsiasi altra scena del crimine" e analizzare queste tracce "permette di mettere in atto le contromisure".

Costruito in Itala dall'Eurotech, il computer ha una potenza di circa 500.000 miliardi di operazioni al secondo (teraflop) ed è il fulcro delle cinque sezioni nelle quali è organizzato il Security Operation Centre, che seguono qualsiasi attacco dal momento dei primi segnali di allerta alle contromisure.

Anche i codici più inespugnabili potrebbero soccombere agli attacchi che in futuro potrebbero essere sferrati con le potentissime armi dei supercomputer quantistici, capaci di compiere un grandissimo numero di operazioni diverse contemporaneamente e in un tempo brevissimo. 

"Diventeranno una realtà fra dieci anni, ma fin da adesso si deve pensare alle contromisure utilizzando la crittografia quantistica", ha detto oggi a Chieti Andrea Campora.

"Lo sviluppo delle tecnologie del supercalcolo quantistico ha una tale potenza da superare la maggior parte delle cifrature: sarà un problema da affrontare. Fin da adesso, comunque, alcune start-up stanno sviluppando algoritmi rivolti a combattere contro la crittografia quantistica".
 
Contemporaneamente anche l'Unione Europea si prepara a consolidare le competenze per affrontare le nuove sfide della criminalità informatica. 

Il primo passo in questa direzione, ha osservato Campora, è il progetto del Centro europeo per la cybersicurezza destinato a gestire i finanziamenti stanziati nell'ambito del prossimo programma quadro europeo per la ricerca Horizon Europe 2021-2027.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui