• Abruzzoweb sponsor

DECENNALE SISMA: MESSE IN CHIESA ANIME SANTE IN DIRETTA PER 6 DOMENICHE SU RETE 4 E TV2000

Pubblicazione: 28 aprile 2019 alle ore 21:16

L'AQUILA  - All’interno delle iniziative attivate nell’ambito del decennale del Sisma del 2009, nelle domeniche dal 26 maggio 2019 al 30 giugno 2019 (6 domeniche consecutive), la Diretta Nazionale della Santa Messa delle ore 8:30, trasmessa dalla Emittente Televisiva della Conferenza Episcopale Italiana TV2000, e quella delle ore 10:00, trasmessa dalla Emittente Televisiva Rete4, saranno riprese dalla Chiesa di Santa Maria del Suffragio in L’Aquila.

In ognuna delle 6 domeniche, le celebrazioni eucaristiche in diretta televisiva, presiedute in turnazione dai parroci e dai sacerdoti della Vicaria Urbana, saranno precedute da una scheda introduttiva nella quale verranno presentate le attività pastorali che già riattivate o che stanno per riprendere nella Vicaria Urbana.

Si tratta della Pastorale Unitaria di Iniziazione Cristiana che riprenderà dal mese di Settembre 2019 presso l’Oratorio Salesiano, La Caritas inter-parrocchiale per il Centro Storico che ha sede nel Centro Pastorale Paolo VI, la Pastorale Universitaria che ha luogo nella Basilica di S. Giuseppe Artigiano e nella Residenza S. Carlo Borromeo e la pastorale del Turismo Religioso promossa nel Centro Storico dalle Parrocchie di Città con il supporto della Scuola di Alta Formazione in Beni Culturali Ecclesiastici (SAF BCE).

La scheda introduttiva sarà anche l’occasione per la presentazione delle chiese riaperte dopo il sisma del 2009 e delle chiese che a breve saranno riaperte (S. Silvestro, S. Maria del Soccorso e S. Pietro) e di ciò che purtroppo ancora attende tempi e modalità certe (Duomo di S. Massimo, S. Maria Paganica, S. Maria del Carmine, S. Giusta, S. Marco, S. Francesco di Paola, S. Maria di Roio, S. Marciano, S. Biagio e S. Flaviano).

"Lo slancio missionario a cui le Parrocchie della Vicaria Urbana sono particolarmente chiamate in questo momento storico della chiesa aquilana - si legge nella nota  - , ancora segnata dalle ferite del sisma che nel 2009 l’ha colpita e radicalmente cambiata, sottolinea la necessità di nuove scelte, nella linea di un’autentica pastorale d’insieme, come ha più volte affermato il nostro Cardinale Arcivescovo Giuseppe Petrocchi, soprattutto in occasione delle varie riunioni del clero e dell’assemblea diocesana del 2017, e ancor più sottolineato nei vari interventi da lui offerti in occasione del Decennale del Sisma, attraverso i quali ha esortato ad affrontare il ‘terremoto dell’anima’.

"A distanza di dieci anni dal sisma del 2009, si può parlare ancora di emergenze che toccano l’ambito spirituale, affettivo ed esistenziale delle persone, alla luce di ferite non ancora rimarginate, e traumi e lutti non ancora del tutto elaborati. A tutto ciò, vanno aggiunti gli effetti dei terremoti più recenti, che hanno toccato la nostra Diocesi e i territori circostanti. Queste 6 settimane, potranno essere un’occasione preziosa in cui riflettere grazie ad una attenzione mediatica nazionale, che passa attraverso le dirette televisive delle Sante Messe, su ciò che si è fatto e su ciò che ancora è da intendersi come urgenza ed emergenza pastorale della comunità diocesana e cittadina", conclude la nota.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui