DECLASSAMENTO OSPEDALE PENNE, SINDACO SEMPRONI PARTECIPA A PROTESTA

Pubblicazione: 23 febbraio 2018 alle ore 14:17

PENNE - L'amministrazione comunale di Penne (Pescara) aderisce alla manifestazione pubblica organizzata dal Comitato di cittadini "Salviamo l'ospedale di Penne" costituito per protestare contro il declassamento del presidio ospedaliero "San Massimo" previsto con la riorganizzazione della Regione Abruzzo. 

L'evento è in programma domani, sabato 24 febbraio, ore 16, dinanzi alla sede dell'assessorato regionale alla sanità in via Conte di Ruvo a Pescara. 

Saranno presenti il sindaco Mario Semproni, gli assessori e i consiglieri comunali. 

"Declassare l'ospedale 'San Massimo' - spiega il primo cittadino - a struttura sanitaria di area disagiata, peraltro senza tenere conto delle esigenze del territorio, è stata una scelta irragionevole e irrispettosa nei confronti della popolazione vestina. Al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso e all'assessore regionale Silvio Paolucci abbiamo chiesto più volte che al 'San Massimo' sia attribuito il rango di ospedale di base con sede di pronto soccorso per salvare reparti e servizi; come è noto abbiamo un bacino di oltre 50 mila abitanti, distribuiti nell'entroterra pescarese e teramano, e soprattutto abbiamo una viabilità stradale disastrata e impercorribile che non consente di raggiungere velocemente la costa pescarese. Abbiamo più volte incontrato i vertici della Regione e della Asl di Pescara per spiegare le nostre posizioni ma non c'è stato confronto o dialogo. Anzi, abbiamo registrato soltanto chiusure".

"La mia amministrazione comunale percorrerà ogni grado di giudizio per bloccare le scelte della Regione Abruzzo (attualmente c'è un ricorso in Appello contro la sentenza avversa del Tar dell'Aquila). È assurdo, infatti, che la provincia di Pescara abbia soltanto un solo ospedale, nonostante le criticità presenti sul territorio. Auspico - conclude Semproni - che sabato siano presenti i sindaci di tutta la provincia pescarese per bloccare queste scelte scellerate che mirano solo a sopprimere il diritto al salute dei cittadini dell'area vestina". 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui