DECRETO DIGNITÀ: MARTINO (FI), ''PERDITA MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO''

Pubblicazione: 05 luglio 2018 alle ore 15:16

L’AQUILA - “Bisogna smetterla di considerare gli imprenditori come persone che fanno speculazione e che hanno un secondo fine. Gli imprenditori sono felici quando possono assumere i collaboratori. Con il varo delle nuove regole la classe politica ha dimostrato di non capire che cosa significa fare questo mestiere e di come si può stare vicini ad una categoria che sta reggendo l’economia del Paese”.

Così il parlamentare abruzzese Antonio Martino, capogruppo di Forza Italia nella commissione Finanza e Tesoro della Camera dei deputati, commentando il cosiddetto decreto Dignità approvato dal Consiglio dei ministri nei giorni scorsi, su proposta del ministro delle Attività produttive e Lavoro Luigi Di Maio.

“Il governo giallo verde ha varato delle norme che non porteranno alla stabilizzazione dei precari ma alla perdita di migliaia di posti di lavoro - spiega ancora Martino, 42 anni imprenditore alla prima esperienza parlamentare -, infatti, si è riesumato un modello che è stato utile negli anni ’60 quando si era in presenza di poche grandi aziende, a partire dalla Fiat. Oggi il sostrato imprenditoriale più rilevante del Paese è costituito da imprese che hanno fino a 50 o 100 dipendenti, quindi aziende che hanno necessità di elasticità contrattuali e a tutele crescenti. Nella considerazione - chiarisce ancora Martino -, che quando c’è lavoro all’imprenditore non importa la tempistica o la speculazione: assume per produrre ricchezza per sé e per il Paese”.

Martino conclude facendo appello anche agli imprenditori affinché si faccia un’azione comune con i parlamentari coscienti dell’inefficacia del decreto Dignità “per far capire, a questa classe dirigente, che le risposte devono essere adeguate alle improrogabili esigenza imprenditoriali”. Il prossimo 10 luglio in commissione Finanze e Tesoro ci sarà l’audizione del ministro dell’Economia Giovanni Tria. “Rappresenteremo questa insieme ad altre situazioni anche al ministro”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui