• Abruzzoweb sponsor

DECRETO SISMA: PEZZOPANE, ''PASSO IMPORTANTE PER CENTRO ITALIA, NON DIMENTICARE L'AQUILA''

Pubblicazione: 19 ottobre 2019 alle ore 15:12

L'AQUILA - Dopo le reazioni degli esponenti regionali di centrodestra, che si sono schierati contro il decreto terremoto che verrà portato lunedì al Consiglio dei Ministri, e che hanno denunciato la mancanza nel testo delle istanze dei territori colpiti dal sisma 2009, interviene la deputata aquilana Pd Stefania Pezzopane che difende l'operato del Governo giallorosso  e assicura l'impengo affinché anche L'Aquila rientri nelle norme.

"Il provvedimento che il governo si appresta a varare lunedì prossimo sui terremoti è di grande rilievo - osserva in una nota Pezzopane - Ci sono norme di straordinario valore per dare risposte alle aree terremotate tra il 2016 e 2017: su una in particolare mi sono battuta in questi anni, l’abbattimento del 50% delle tasse sospese tra 2016 e 2017 e da restituire, un fatto importante, un sollievo grande per quella popolazione in sofferenza, questa misura è compresa nel decreto assieme all’estensione delle misure per i giovani del cratere dei contributi del Progetto Resto al Sud".

"Inoltre - aggiunge la deputata dem - nel decreto è prevista la proroga dello stato di emergenza e della struttura commissariale con relativi quasi 400 milioni di risorse, e lo snellimento di procedure ed altro ancora. Un ottimo inizio per trattare l’emergenza del Centro Italia".  

"È bene ricordare al sindaco Pierluigi Biondi ed al presidente Marco Marsilio che le norme riguardano gli eventi sismici del centro Italia del 2016 e 2017 e che quindi comprendono anche zone abruzzesi, numerosi e sofferenti comuni dalla Provincia dell’Aquila e di Teramo, ovvero la nostra terra. La ricostruzione dell’Aquila ovviamente  è e deve restare una priorità dell’Italia, fino a completamento delle complesse attività in campo. Da ciò che si apprende nel testo base all’esame del governo, che affronta la drammatica emergenze ed il blocco della ricostruzione nel CentroItalia, ci sono aspetti innovativi ed efficaci".

"Perciò - prosegue - sarebbe davvero miope mettere i territori colpiti dai terremoti l’uno contro l’altro, sono infatti tutti bisognosi di immediati e incisivi interventi. A L’Aquila, in sinergia con sindaci del cratere e Regione, stiamo mettendo da tempo insieme proposte normative utili su tasse, personale, risorse, edilizia pubblica. Norme  che il precedente governo non ha ritenuto di dover approvare.

"L’impegno mio e del Pd sarà nelle prossime ore di fare in modo che anche L’Aquila rientri nelle norme che saranno approvate e, comunque, di lavorare in Parlamento in sede di conversione, per questo obiettivo. Anche il presidente Giuseppe Conte, considera necessario affrontare le situazioni ancora in difficoltà nelle aree post terremoto , tra  cui L’Aquila nel suo decimo anno dal terremoto”, conclude Pezzopane.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

DECRETO SISMA: ''ESCLUSI E INASCOLTATI'', LEVATA DI SCUDI DALL'ABRUZZO

L'AQUILA - Profonda delusione in Abruzzo per l'esclusione dei territori terremotati del 2009 dal Decreto legge sul sisma Centro Italia che verrà esaminato lunedì al Consiglio dei Ministri. Inascoltate le istanze formulate in particolare dai paesi dell'Aquilano... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui