DETENUTI: GARANTE NAZIONALE IN ABRUZZO, RILEVATE CRITICITA' CARCERI

Pubblicazione: 12 luglio 2017 alle ore 13:19

Il carcere di Sulmona

L'AQUILA - Si è conclusa la visita regionale del Garante nazionale dei diritti dei detenuti in Abruzzo: dopo il monitoraggio dedicato specificamente alla detenzione in regime di 41 bis nell'istituto dell'Aquila, compiuto nella metà di giugno, una delegazione del Garante nazionale ha visitato la Casa circondariale di Teramo, la Casa di reclusione di Sulmona, i reparti detentivi degli ospedali dell'Aquila e di Sulmona e la Rems di Barete.

Il dato complessivo rilevato è quello dell'isolamento degli Istituti penitenziari dai contesti urbani e sociali in cui sono inseriti: se a Sulmona l'isolamento della Casa di reclusione di alta sicurezza si coglie per l'assenza dei soggetti del terzo settore nella vita detentiva e in particolare nell'attività educativa e risocializzante, a Teramo l'isolamento ha addirittura connotazioni fisiche, perché manca il collegamento dei mezzi pubblici di trasporto con l'Istituto di Castrogno.

Per questa grave carenza nel settore dei servizi pubblici essenziali che colpisce sia la popolazione detenuta sia tutto il personale che lavora nella struttura, più volte segnalata dal direttore della Casa circondariale a tutte le autorità territoriali, la delegazione, guidata dalla componente del Collegio Emilia Rossi, ha immediatamente richiesto e ottenuto un incontro con il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, che si è manifestato disponibile a ricercare soluzioni tempestive al problema nell'ambito delle proprie competenze.

La Casa circondariale di Teramo si segnala, inoltre, per il sovraffollamento, in particolare nella sezione femminile.

Profili di acuta e preoccupante criticità sono stati rilevati anche nel settore dei servizi di assistenza sanitaria: dalle condizioni strutturali del reparto detentivo dell'Ospedale di Sulmona, alle disfunzioni nell'area sanitaria della Casa di reclusione, ove, tra gli altri dati problematici, si registrano liste d'attesa per esami clinici e visite specialistiche incompatibili con le esigenze terapeutiche, all'allestimento della Unità operativa per detenuti dell'Ospedale "San Salvatore" dell'Aquila che presenta problemi di rispetto della privatezza delle persone che il Garante intende sollevare nel proprio Rapporto sulla visita.

L'assenza di un organo istituzionale di controllo, indipendente e autonomo, sulle condizioni dei luoghi di privazione della libertà della regione abruzzese si percepisce con evidenza - osserva il Garante dei detenuti - e risulta ormai inaccettabile che la nomina del Garante Regionale sia di fatto impedita da ragioni tutte interne agli equilibri tra i partiti presenti nel Consiglio regionale. Per questa ragione, oltre che per i profili di forte criticità nei settori dei servizi pubblici essenziali rilevati, il Garante nazionale intende attivare l'attenzione delle autorità politiche della Regione e dei territori interessati, riprendendo a breve con incontri diretti, l'interlocuzione avviata nel corso della visita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui