DOPPIO INCARICO DA RETTORE E PRESIDENTE: CHIESTO PROCESSO PER D'AMICO

Pubblicazione: 17 gennaio 2018 alle ore 20:22

Luciano D'Amico

TERAMO - A poco meno di 2 mesi dall'avviso di conclusione delle indagini, la procura della Repubblica di Teramo chiede il rinvio a giudizio del rettore dell'università teramana, Luciano D'Amico, al quale il pm Davide Rosati contesta l'indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e il peculato.

Riguardo al primo reato, il rettore deve rispondere di 57 mila euro che avrebbe percepito indebitamente tra agosto 2014 e febbraio 2017: secondo l'accusa, avendo assunto l'incarico di presidente del Cda delle società di trasporti Arpa Spa prima e Tua Spa poi e avrebbe smesso, di fatto, di svolgere l'attività di docente a tempo pieno, requisito che la legge prevede come necessario per poter ricoprire la carica di rettore.

Quanto al peculato, questo è contestato in relazione alla consegna di dieci tablet.

Nell'ambito della stessa inchiesta, chiesto dalla procura il rinvio a giudizio anche per il professor Mauro Mattioli, accusato di peculato per aver percepito un'indennità che non gli sarebbe spettata, e per il preside di Scienze della comunicazione, Stefano Traini, accusato di abuso d'ufficio in relazione al nulla osta al doppio incarico per D'Amico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

TERAMO: DOPPIO INCARICO E PECULATO INDAGATO RETTORE LUCIANO D'AMICO

TERAMO- È un'accusa di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato quella che la Procura di Teramo, titolare del fascicolo il pubblico ministero Davide Rosati, contesta al rettore Luciano D'Amico, per il doppio incarico ai... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui