• Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

ELEZIONI: ''IO CITTADINA COSTRETTA A NON VOTARE'', I DUBBI DI UNA LETTRICE

Pubblicazione: 10 febbraio 2018 alle ore 16:01

L’AQUILA – “Ci sono troppi interessi privati e privilegi per pochi, senza trascurare i tanti conflitti d’interesse. Come faccio ad andare a votare?”. 

La domanda, con molta probabilità nella mente di molti degli aventi diritto al voto che il 4 marzo prossimo saranno chiamati a esprimere la loro preferenza alle urne, è rivolta da una privata cittadina residente in una frazione dell’Aquila, a se stessa ma anche al pubblico.

L’ha affidata infatti alle pagine di AbruzzoWeb con una lettera, insieme ad altre riflessioni sulla politica e sulle tante sfaccettature e complicazioni della società odierna che la politica stessa avrebbe dovuto, nel corso degli anni, e dovrebbe cercare, in futuro, di risolvere.

“Come un pettirosso che in inverno ha fede e saltella in cerca di cibo, così piena di entusiasmo mantengo la mia fermezza nel credere di poter amministrare in modo diverso il mio Paese” è il pensiero espresso dalla signora Maria Scarsella che si definisce “una cittadina costretta a non votare” , in una fredda giornata dell’inverno aquilano, mentre al mattino si appresta a iniziare la giornata accompagnata da mille dibattiti e tribune politici, di cui i programmi televisivi in questo periodo pre elettorale sono pieni.

LA LETTERA COMPLETA

Apro la finestra. Il gelo è pungente. Uno spettacolo stupefacente, però, si svela ai miei occhi. Un pettirosso saltella e becca l’erba gelata del mio giardino. Fa fatica; insiste e i fili d’erba finalmente cedono e lo ristorano con qualche briciola. Appagata dalla bella visione mattutina preparo la colazione e accendo la televisione. C’è un dibattito politico. Ascolto e l’incanto di poco prima finisce in un attimo e il mio cuore comincia a palpitare, fortemente. 

Le parole degli aspiranti mi offendono e mi danno un gran dolore. Promesse, solo promesse e un reciproco parlarsi addosso! C’è chi toglierebbe quello, chi darebbe quell’altro, chi non sa cosa inventare per conquistarsi il primo posto nel palcoscenico delle lusinghe. Ascolto perché vorrei ritrovare la fiducia nella politica ed esprimere il mio voto con serenità.

Immagino di essere al loro posto. Sono piena d’entusiasmo e penso al pettirosso: ha fede, tanto che va in cerca di cibo saltellando. Non è facile andare controcorrente ma la mia tempra è montanara, abituata alle difficoltà. Mantengo il mio entusiasmo, la mia fermezza nel credere di poter amministrare in un modo diverso il mio Paese. Mi sento promotrice di nuove idee perché oggi la politica è fortemente in crisi. 

Non voglio ingannare gli elettori ma incoraggiarli a concorrere alla formazione di una diversa classe politica fatta di donne e uomini  pieni del senso dello Stato; non più voltagabbana pronti a mutare le idee per esclusivo vantaggio personale. Voglio ridare la sacralità al mio Paese, oggi amministrato con logica aziendale. Voglio stupire, accendere ancora gli entusiasmi, sentirmi italiana inserita, però, in un contesto europeo ed internazionale.

Inizio così a elencare tutte le situazioni da affrontare per allontanare l’Italia dal precipizio ormai prossimo: il diritto al lavoro; evitare le calamità naturali; risanare l’ambiente; prevenzione su tutti i luoghi di lavoro; sicurezza sulle strade; attenzione agli anziani, ai disabili, agli immigrati, ai senza tetto, ai carcerati. Far riemergere l’economia sommersa che vale 208 mila miliardi; arrestare il traffico degli stupefacenti, della prostituzione, del gioco d’azzardo; fare la lotta alle mafie.

Dare spazi vitali ai giovani per allontanarli dalla droga, dal bullismo, dall’anoressia e da tutte le altre patologie. Diritto allo studio. Non costringere le persone a trovare lavoro all’estero. Combattere l’evasione fiscale. Ripensare le retribuzioni e i privilegi dei parlamentari perché la Carta Costituzionale non fa alcun riferimento al trattamento economico e pensionistico dei politici e, all’epoca essere chiamati “Onorevoli” aveva un significato ben preciso. Avere attenzione per tutti i lavoratori che operano in situazioni di gran difficoltà. L’acqua come bene essenziale e non merce. La sanità non più come azienda. Concorrere ad evitare i conflitti nel mondo. Non costruire e vendere armi per le ostilità.

Accorciare le troppe differenze tra le retribuzioni dei top manager, dei sindacalisti, dei politici da   quelle dei salari di gente comune. Non avere la possibilità di migrare in altre fazioni politiche senza decadenza dal mandato precedente. La presidenza e la direzione in posti strategici devono essere affidate per competenza e non per spartizioni partitiche.

Ci sono troppi interessi privati e privilegi per pochi, senza trascurare i tanti conflitti d’interesse. Come faccio ad andare a votare? Mi chiedo: dove è finito il nostro gran patrimonio culturale? Perché si saccheggia continuamente la bellezza della nostra terra? Non ricordiamo mai i nostri martiri che hanno dato la loro vita per salvarci dalle mafie e dalle tante barbarie che dissolvono continuamente la nostra democrazia impoverendo il nostro Paese.

Utopia? No! È solo desiderio di vivere pienamente, felice di poterlo fare in un posto d’incanto: l’Italia!

Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsor

ALTRE NOTIZIE

Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
TACCUINO ELETTORALE
ELEZIONI: GLI APPUNTAMENTI DI POTERE AL POPOLO
oggi
ELEZIONI: CONFERENZA A CHIETI CON ENRICO DI GIUSEPPANTONIO (NOI CON L'ITALIA - UDC)
oggi
ELEZIONI: PRESENTAZIONE AD AVEZZANO DELLA LISTA + EUROPA CON EMMA BONINO
oggi
ELEZIONI: CENA DI AUTOFINANZIAMENTO DEL MOVIMENTO 5 STELLE A MONTORIO AL VOMANO
oggi
ELEZIONI: GIULIO SOTTANELLI (NOI CON L'ITALIA - UDC) INCONTRA I CITTADINI A ROSETO
domenica 25 febbraio
ELEZIONI: ENRICO DI GIUSEPPANTONIO (NOI CON L'ITALIA) INCONTRA I CITTADINI AL COMITATO ELETTORALE
domenica 25 febbraio
ELEZIONI: GLI APPUNTAMENTI DELLA PEZZOPANE, CIALENTE E PANEI (PD)
da oggi fino a martedì 27 febbraio
Taccuino completo
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
SPECIALE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE, SPECIALE ABRUZZO
L'AQUILA CHE RIPARTE
TERREMOTO E RICOSTRUZIONE, L'AQUILA CHE RIPARTE
SOCIAL NETWORK
SERENA MENTE
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui