• Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

ELEZIONI L'AQUILA: DI BENEDETTO, ''UNITA'
TRA ME E PIETRUCCI, MA NO A SPARTIZIONI''

Pubblicazione: 15 aprile 2017 alle ore 12:37

Il selfie della pace tra Pierpaolo Pietrucci e Americo Di Benedetto
di

L’AQUILA - “L’incontro tra me e Pietrucci è stato normale, non di spartizione, che non mi appartiene: durante la mia campagna elettorale nessuno ha ricevuto garanzie su quello che avrebbe potuto fare con la mia vittoria, dall’altra parte ora nessuno si deve sentire escluso dalla prospettiva futura di governo della città”.

Così Americo Di Benedetto, candidato sindaco del centrosinistra alle elezioni amministrative dell’Aquila, nella prima intervista ad AbruzzoWeb dopo aver ricevuto i “galloni” vincendo le primarie contro Pierpaolo Pietrucci.

Rispetto a quest’ultimo, dopo una serie di rumors politici mai smentiti che evidenziavano una certa differenza di vedute e un “aut aut” del consigliere regionale per ottenerne l’appoggio ed essere in grado di governare, Di Benedetto assicura che “io e Pietrucci non ci siamo mai divisi, almeno per quanto mi riguarda. La sincerità paga sempre, il tatticismo e la poca chiarezza danno consenso immediato, ma poi diventano sterili”.

Non ravvisa, il candidato, la necessità di “prendersi il partito” per avere una base su cui contare: “Esco dai canoni della normalità politica, mi pregio di essere differente”, rivendica.

Quanto alle voci dissonanti, Carlo Benedetti gli ha chiesto di cominciare a parlare di politica. “No io comincio a parlare di amministrazione - ribatte - Mi piace la politica della disponibilità e del lavoro, quella di declamazione filosofica è in secondo piano. Massimo rispetto per tutte le posizioni, anche le più radicali, ma vado avanti per la mia strada, non mi snaturo e non rincorro”.

Enrico Perilli di Rifondazione, invece, ha decretato la “morte dell’Ulivo”. “Se ci fosse stato l’Ulivo sarei stato nella Margherita e se andiamo a verificare la ripartizione delle funzioni di primo livello non avremmo dovuto neanche fare le primarie, perché ci spettava di diritto - è la provocazione per tutta risposta - Azzerato il discorso dell’Ulivo, io sono del Partito democratico che è uno, gli avversari non stanno dentro il Pd e non si possono ricercare con determinazione livorica, bisogna rispettarsi reciprocamente”.

La coalizione non è chiusa, assicura poi, ma può ancora allargarsi a Udc e Prc: “Abbiamo ricevuto mandato io e il segretario del Pd (Stefano Albano, ndr) di provare a interloquire con queste forze - svela - Per l’Udc c’erano le condizioni per stare insieme, nei prossimi giorni vedremo, non darei nulla per fatto, bisogna lavorare, parlare e condividere”.

Di Benedetto ribadisce di essere “di centro” inteso come “disponibilità all’ascolto e a risolvere i problemi”, ma rassicura anche che “dentro di me c’è una grande sensibilità di sinistra, che non si dichiara, non si vede, ma nella vita di tutti i giorni si fa perché te la senti in coscienza”.

Bacchettate, invece, al centrodestra che si è riunito sulla candidatura di Pierluigi Biondi e ora rivendica l’unità denunciando, invece, divisioni nel centrosinistra.

“Non è così anzi c’è una differenza di fondo radicale: nel centrosinistra il candidato l’hanno scelto i cittadini, nel centrodestra hanno scelto a Roma senza sapere neanche i problemi che viviamo”, conclude Di Benedetto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui