• Abruzzoweb sponsor

ELEZIONI: MASCI (RIALZATI ABRUZZO), ''UN ERRORE IGNORARE TERRITORI''

Pubblicazione: 21 febbraio 2013 alle ore 17:31

Carlo Masci

PESCARA - "Il cittadino vota e stabilisce chi vince, è libero di scegliere, qui sembra quasi che il cittadino non conti nulla. Credo che sarà un voto utile, non certo dannoso. Il Pdl a livello nazionale non ha prestato attenzione al territorio, noi invece crediamo che si debba votare e scegliere chi è legato al territorio".

Così Carlo Masci, leader di Rialzati Abruzzo, capolista al Senato con il suo movimento, parla del voto 'a chilometro zero' ai microfoni di AbruzzoWeb.

A due giorni dalle elezioni poitiche, Masci ha di nuovo puntato l'indice contro la legge elettorale che consente di 'paracadutare' i candidati scelti direttamente nelle stanze di Roma e quindi di creare parecchie difficoltà a chi si presenta da rappresentante di un territorio o di una comunità ben identificabili.

"Siamo sempre stati con una lista civica, siamo il quarto partito della regione abruzzo - dice Masci - e oggi lanciamo la sfida più importante che è quella del parlamento. Ci siamo, vogliamo esserci anche domani". (ar.ia.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui