ELEZIONI TORTORETO: CENTRODESTRA DIVISO
PD E M5S PRONTI E INCOGNITA DI STANISLAO

Pubblicazione: 06 maggio 2017 alle ore 07:45

di

TORTORETO - Centrodestra che resta prigioniero dei conflitti interni e dei troppi protagonismi, Pd che, a differenza di quello che avviene a livello nazionale, vira a sinistra, un Movimento 5 stelle determinato a fare l’exploit.

Questi i temi salienti delle prossime elezioni amministrative a Tortoreto (Teramo), 10 mila abitanti, Comune che, assieme a Martinsicuro, costituisce la sfida più importante, in termini numerici, in provincia di Teramo.

Dal 2009 il Comune è rimasto in mano a liste civiche di area centrodestra, prima con il sindaco Gino Monti, poi con Alessandra Richi, quest'ultima caduta, però, nel maggio 2016, vittima delle divisioni interne, con conseguente arrivo del commissario prefettizio.

Da quasi un anno hanno avanzato la loro candidatura nel campo del centrodestra Francesco Marconi, ex assessore provinciale, e lo stesso ex sindaco Monti. Nessuno dei due disposto a fare un passo indietro.

Una quadra sembrava essere stata trovata con la candidatura di Domenico Piccioni, sponsorizzata da da due pezzi da 90 del centrodestra teramano: Paolo Gatti, consigliere regionale di Forza Italia, e Paolo Tancredi, parlamentare di Alternativa popolare.

Poi il goffo dietrofront, a seguito dello stizzito niet di “Tortoreto Sempre”, la lista che ha fatto vincere le elezioni prima a Monti e poi alla Richi, e che ha definito la possibile candidatura di sintesi come una imposizione dell’alto, arrivando a parlare di "tragicomico teatrino della politica”.

Preso atto che la sua candidatura “non ha incontrato il gradimento di tutti e in particolar modo di coloro che parlavano di totale rinnovamento”, a quel punto Piccioni ha fatto un passo indietro e da allora si sono infittite le riunioni per poter arrivare a trovare una difficilissima composizione, insomma un candidato che stia bene a tutti. 

Si registrano tuttavia anche trattative tra esponenti di spicco del centrodestra con Domenico Di Matteo di Abruzzo civico, il movimento che fa riferimento al parlamentare Giulio Cesare Sottanelli e al coordinatore regionale Gianluca Pomante. Di Matteo sta lavorando a una lista centrista che, però, punterebbe volentieri a pescare consensi nel campo del centrodestra lacerato dalle divisioni.

Possibili candidati sindaco Renato Chicchirichì o Rosita Di Mizio, che fanno parte di quello stuolo di consiglieri che hanno fatto cadere il sindaco Richi.

Convinti di poter beneficiare delle divisioni che affliggono il centrosdestra, sono, dunque, il Pd e il Cinque stelle.

Il fronte dei dem si è ricompattato sull’avvocato Piero Di Nicola, unico partecipante e vincitore d’ufficio alle primarie andate deserte a gennaio.

Assessore ai tempi del sindaco Flaminio Lombi, Di Nicola ha stretto accordi non solo con centristi e socialisti, ma anche con il rinato Partito comunista italiano.

Ai nastri di partenza per vincere ci sono, però, anche i grillini che hanno scelto come candidato sindaco l’insegnante Riccardo Straccialini che, inaugurata la sede elettorale, sta già organizzando incontri sui dieci punti del programma.

Il Movimento 5 stelle al voto del 2014 ha ottenuto il 17,7 per cento, che è valso un posto in Consiglio per il giovane Luca Palanca.

C’è, infine, a correre per la poltrona da sindaco, Nico Carusi, ex consigliere comunale democratico, con la sua lista civica "Progetto Tortoreto".

Tutto questo mentre non è ancora tramontata possibilità che possa scendere in campo anche l’ex parlamentare e consigliere regionale Augusto Di Stanislao, altro vip territoriale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

ELEZIONI MARTINSICURO: PD SCEGLIE L'ULIVO, CENTRODESTRA DIETRO I CIVICI, M5S ATTENDE

di Filippo Tronca
TERAMO - A Martinsicuro (Teramo) in vista del voto amministrativo dell'11 giugno il centrodestra diviso si converte al civismo dilagante mentre il centrosinistra, con in testa il Partito democratico, ripropone una tradizionale coalizione di impronta ulivista, con... (continua)

ELEZIONI ATESSA: SFIDA A CINQUE NELLA EX ''STALINGRADO'' ORA FEUDO DI CENTRODESTRA

di Filippo Tronca
ATESSA - Un centrosinistra in cerca di una quadra e che ancora non trova un candidato, il centrodestra che punta mantenere il suo feudo nel segno della continuità, con la spina del fianco dei dissidenti che... (continua)

ELEZIONI COMUNALI ORTONA: CENTRODESTRA E CENTROSINISTRA IN CORSA IN ORDINE SPARSO

di Filippo Tronca
ORTONA - Sei candidati in corsa, tre di centrodestra e tre centrosinistra.  Partito democratico e Forza Italia alle prese con regolamenti di conti interni, fughe in avanti e colpi di teatro. Ed anche il Movimento cinque... (continua)

ELEZIONI SAN SALVO: PARTITI MASCHERATI DA LISTE CIVICHE E CENTROSINISTRA DIVISO

di Filippo Tronca
SAN SALVO - Anche a San Salvo, in provincia di Chieti, i partiti e i loro simboli non vanno più di moda, e ad eccezione del Pd, a farla da padrona nella corsa alle elezioni comunali... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui