FONDI RICOSTRUZIONE E CAS NON DOVUTI: NEI GUAI ANCHE DE MASI, TUTTI I NOMI Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

FONDI RICOSTRUZIONE E CAS NON DOVUTI: NEI GUAI ANCHE DE MASI, TUTTI I NOMI

Pubblicazione: 22 luglio 2016 alle ore 18:45

L'AQUILA - C'è anche l'ex presidente dell'Aquila rugby, l'architetto Vincenzo De Masi, e la moglie, il medico Loredana Barberio, tra i quattro aquilani finiti nei guai per indebita percezione di erogazioni pubbliche richieste nell'ambito della ricostruzione post-terremoto. Gli altri due sono Giovanni Gianvincenzo ed Ermanno Chiavaroli.

Sotto inchiesta dalla Procura della Repubblica tre distinte pratiche con i tre beneficiari che hanno subito un sequestro preventivo per una somma complessiva di 720.908,79 euro, fondi elargiti secondo l'accusa, sulla base di certificazioni false.

"Devo acquisire la documentazione, credo ci sia una valutazione approfondita su due distinti concetti: residenza anagrafica e dimora abituale, sono interessanti in riferimento al rapporto di convivenza", si è limitato ad affermare ad AbruzzoWeb l’avvocato Fabio Alessandroni, che difende De Masi e Barberio.

A quest'ultima sono stati sequestrati circa 210mila euro, il marito è coinvolto in quanto progettista responsabile della riparazione post-sisma.

Di "equivoco" parla l'avvocato Massimiliano Di Scipio, che difende Gianvincenzo, "un militare che ha sempre viaggiato ma con la residenza sempre all'Aquila" che ha acquistato un'abitazione equivalente a Milano: gli è stata sequestrata la somma di circa 210mila euro comprensiva dell'immobile e deve rispondere anche di indebita percezione del Cas, il contributo di autonoma sistemazione erogato fino al 31 marzo 2015 a chi, avendo perso la casa, non avesse optato per una soluzione abitativa come il progetto C.a.s.e. o i moduli provvisori (Map).

"Stiamo ragionando su una istanza di dissequestro anche perché il compendio posto sotto sequestro ha un valore parecchio eccedente il valore del contributo percepito", dice l'avvocato Stefano Santoro, difensore di Chiavaroli, al quale sono stati sequestrati immobili e conti correnti per un ammontare di circa 310mila euro. (m.sig.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
  • Belle d'Abruzzo
Radio L'Aquila 1
ALTRI CANALI
Sanita'
Dal Mondo
Dall'Italia
Il Fatto
L'Aquila che riparte
Necrologie
Notizie liete
Qua la zampa
Terremoto e ricostruzione
»   Ariete
»   Toro
»   Gemelli
»   Cancro
»   Leone
»   Vergine
»   Bilancia
»   Scorpione
»   Sagittario
»   Capricorno
»   Acquario
»   Pesci
FEEDS RSS
Feed Rss AbruzzoWeb
PERSONAGGI
AbruzzoGreen
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui