FONDO ETICO RICOSTRUZIONE 2009: IMPRESE
DA 13 A 26 MA E' FERMO, MANCURTI E' SPARITO

Pubblicazione: 04 settembre 2017 alle ore 19:58

Aldo Mancurti
di

L’AQUILA - Le imprese partecipanti sono raddoppiate, da 13 a 26, ma il Fondo etico per la ricostruzione post-terremoto 2009 dell’Ance Abruzzo è ancora completamente inattivo: il presidente, il funzionario in pensione di palazzo Chigi Aldo Mancurti, è scomparso e irrintracciabile al telefono, gli interventi finanziati, a oggi, ancora zero.

Il fondo era stato promosso dal livello regionale dell’associazione costruttori per realizzare progetti sociali culturali, e sportivi nelle zone terremotate, alimentato dai contributi volontari versati dalle imprese che operano. Dopo 7 anni, poco più di 100 mila euro in cassa e neanche un centesimo speso.

È adesso è “derby” perché le nuove imprese sono tutte aderenti all’Ance aquilana, su moral suasion del presidente provinciale, Ettore Barattelli, che, a questo punto, raggiunto da AbruzzoWeb, chiama in causa i colleghi forestieri.

“Rispetto al vostro screening di ottobre 2016 il numero di imprese è raddoppiato, sì - rimarca a questo giornale - ma i nuovi aderenti sono tutti iscritti all’Ance dell’Aquila”.

Per Barattelli, “il dato negativo è che ci aspettavamo adesioni maggiori da parte di tutte le imprese di fuori regione e del resto d’Abruzzo. I grandi assenti - accusa - sono i grandi gruppi soprattutto di fuori regione”.

“Le imprese del posto fanno la loro parte, siamo i soli a sostenere calcio, rugby, il sociale, la Perdonanza e così via”, rimarca ancora, in risposta anche allo stimolo alle istituzioni e alle ditte del presidente regionale della Federugby, Giorgio Morelli.

Quello che il presidente dei costruttori non dice, ma che filtra dall’ambiente, è che tra di loro c’è malcontento per come non venga chiamato a contribuire anche il resto della “filiera” della ricostruzione: ordini professionali, industriali, rivenditori di materiali, fornitori e altro, che incassano percentuali più o meno copiose dalle commesse di riparazione di edifici danneggiati.

Per aumentare ancora la partecipazione al Fondo, comunque, Barattelli lancia un’idea: “È importante che siano i committenti a fare una campagna di moralizzazione e sensibilizzazione nei confronti di qualsiasi impresa scelta per svolgere lavori nella propria abitazione attraverso il mercato aperto”.

“Tra i requisiti si richiedono alle imprese le cose più fantasiose, non sarebbe sbagliato inserirci l’iscrizione al Fondo Etico e la devoluzione di una parte dei fatturati al sostegno del tessuto sociale cittadino. Ovviamente - conclude - mostrando la ricevuta di adesione”.

LE NOVITA’

A iscriversi nell’ultimo semestre, con contributi, tuttavia, non diffusi dall’Ance aquilana sono state le 13 imprese Silva Costruzioni Srl (referente Cesare Silva), Equila Costruzioni (Giordano Equizi), Rossi Edilizia (Fabrizio Rossi), Tullio Edil Calcestruzi (Marco Tullio), F.lli Ettore e Carlo Barattelli (Carlo Barattelli), F.lli Di Nardo Srl (Ennio Di Nardo), Gregori Antonio (Antonio Gregori), Pavind Srl (Marco Tirimacco), Ciciotti Costruzioni (Francesco Ciciotti), Vittorini Emidio Costruzioni Srl (Emidio Vittorini), Celi Calcestruzzi (Maria Rosaria Di Biase), Codimar Srl (Vincenzo Domenico Di Marco), Md Leader Srl (Mauro D’Intino).

In precedenza si erano iscritte le imprese Cingoli Nicola & Figlio (referente Giuseppe Cingoli, 31.133 euro), Consorzio Di Vincenzo Strever (Gennaro Strever, 23.262 euro), Rosa Edilizia (Walter Rosa, 19.864), Edilfrair (Gianni Frattale, 10.000 euro), Fratelli Chiodi Costruzioni (Corrado Chiodi, 9.998 euro), Sac (Emiliano Cerasi, 5.000 euro), Archeores (Fausto Dramisino, 4.217 euro), Gaia (Stefano Cipriani, 3.000 euro), Ricci Guido Srl (Enrico Ricci, 3.000 euro), Coaf (Mauro Irti, 2.600 euro), Edilstrade (Vittorio Beccaceci, 1.000 euro), Mc Costruzioni (Marcello Cantelmi, 481 euro), Palombizio Costruzioni (Sergio Palombizio, 435 euro).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

FONDO ETICO RICOSTRUZIONE, UN DISASTRO: SOLO 113 MILA EURO, NESSUN PROGETTO

di Alberto Orsini
L’AQUILA - Continua a essere un disastro il Fondo etico per la ricostruzione, promosso dal sistema dell’associazione costruttori (Ance) d’Abruzzo per realizzare progetti sociali culturali, e sportivi nelle zone terremotate e alimentato dai contributi volontari versati... (continua)

RICOSTRUZIONE: LAURIA ALL'ANCE, ''FONDO ETICO? ESISTE GIA' UNA LEGGE''

L'AQUILA - "Evidenzio a viva voce che esiste una legge dello Stato, la n.717/1949, che, al fine di tutelare e promuovere la cultura e l’arte, introduce l’obbligo di destinare, per la costruzione ex novo e/o per... (continua)

COSTRUTTORI AQUILANI AVARI? BARATTELLI A CIMORONI, ''ANCE HA DATO 4,5 MILIONI A SPORT, CULTURA E SOCIALE''

L'AQUILA - "Tre milioni e 730 mila euro dedicati a cultura, sociale e sport è già di per sé una cifra consistente, eppure è una cifra del tutto parziale che oggi andrebbe moltiplicata almeno per tre,... (continua)

L'AQUILA: LA FIR A BIONDI, ''IMPRESE IMPEGNATE IN RICOSTRUZIONE AIUTINO SPORT''

L'AQUILA - "Non crede, signor sindaco, che coloro che realizzano utili di tale entità, peraltro con risorse pubbliche, non abbiano l’obbligo etico e morale di lasciare una parte del loro guadagno a beneficio del territorio?". È la... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui