FONDOVALLE SANGRO: LA ROMANA DE SANCTIS
SVOLGERA' I LAVORI DA 190 MILIONI PER 5 KM

Pubblicazione: 05 ottobre 2017 alle ore 13:21

L'AQUILA - La Fondo Valle Sangro è stata aggiudicata al raggruppamento di imprese capitanato dall'impresa De Sanctis di Roma.

Lo ha annunciato poco dopo le 13 sulla propria bacheca Facebook il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso.

"Ricordiamo che la FondoValle Sangro ha copertura finanziaria per 192 milioni di euro ed è attesa da 40 anni", ha rimarcato il governatore.

La Regione Abruzzo ha poi reso noti alcuni dettagli con una nota inviata alle redazioni.

"Arriviamo oggi a un punto di svolta per l’ultimazione di un’opera attesa da 40 anni, che congiungerà l’Adriatico al Tirreno e rappresenterà un’autostrada senza pedaggio a servizio non solo dell’area industriale sangrina ma anche di tutto il comprensorio", ha rimarcato il governatore.

"L’amministrazione regionale ha pigiato sull’acceleratore sin dal suo insediamento - ha poi rivendicato - risale infatti all’8 luglio 2014, appena dieci giorni dopo la costituzione della Giunta, la delibera numero 470 con cui davamo massima priorità alla realizzazione dell’infrastruttura. Adesso la soddisfazione è grande".

"ALLA FINE DEL 2022 L'APERTURA AL TRAFFICO''

Cominciata nel merito il 6 luglio scorso, con l’esame delle proposte tecniche delle 11 aziende concorrenti, la procedura di individuazione del contraente è stata completata questa mattina dall’Anas.

In gara c’erano anche altri big dell'edilizia come Astaldi Spa, Cmc spa, Coseam Italia, Ghella + Cmb Spa, Icm spa, Pizzarotti Spa, Inc Spa, Condotte Spa, Strabag Spa, Toto-Di Vincenzo Spa.

Il cronoprogramma, si legge nella nota, prevede che le procedure di affidamento dei lavori debbano concludersi entro il 2017 per avviare i lavori all’inizio del 2018 e aprire al traffico l’opera entro la fine del 2022.

Al fine di consentire l’immediata realizzazione dell’opera, la Regione ha ritenuto indispensabile destinare, all’interno delle risorse del Masterplan Abruzzo-Patto per il Sud, l’importo di 78 milioni di euro, complementare a quello esistente pari a 112 milioni di euro, di cui 30 milioni di euro dalla legge di stabilità 2013, 20,4 milioni di euro dalla legge 388/2000 e 62 milioni di euro dal decreto Sblocca Italia, per un totale di 190 milioni.

LA STRADA

Il tratto da realizzare sarà lungo 5,3 chilometri, con 5 viadotti per complessivi 1,2 chilometri e una galleria che si estende per 2,5 chilometri.

Il tracciato ha origine in prossimità della stazione ferroviaria di Gamberale-Sant’Angelo, in corrispondenza del viadotto esistente sul fiume Sangro. Nel primo tratto è presente la rampa di uscita per chi proviene da Quadri ed è diretto verso Pizzoferrato/Gamberale.

Nel verso di percorrenza opposto il collegamento con la viabilità secondaria è garantito dall’adeguamento dell’intersezione esistente. La strada prosegue superando la ferrovia con un viadotto e, dopo circa 1 km, ha origine il tratto in galleria, affiancata per tutta l’estesa da un cunicolo di sicurezza; in uscita dalla galleria il tracciato prosegue tra la ferrovia e la strada provinciale 164.

Poco prima dell’abitato di Quadri esso scavalca nuovamente la ferrovia e quindi il fiume Sangro con un viadotto, ricollegandosi al tratto già ammodernato dove è previsto lo svincolo "Quadri Est".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui