GIORNALISMO: 16A EDIZIONE PREMIO POLIDORO, ''A RISPARMIO, MA DI QUALITA''

Pubblicazione: 31 ottobre 2017 alle ore 12:08

La presentazione del Premio Polidoro 2017
di

L’AQUILA - Un’edizione con la “cinghia tirata” per un premio di giornalismo che non dipende dagli enti pubblici e si propone come “baluardo” dell’informazione di qualità in Abruzzo.

Con queste prerogative è stata presentata oggi la 16ª edizione del riconoscimento intitolato a Guido Polidoro, storico capo della redazione regionale del quotidiano Il Messaggero, organizzato dall’Ordine dei giornalisti con il supporto della banca Bper e della Fondazione Carispaq.

“Era un premio della Provincia dell’Aquila, ma se ne sono liberati con un’eleganza incredibile - ha ironizzato il presidente dell’Odg, Stefano Pallotta - Una mano ce la danno la banca e la fondazione, ma quest’anno abbiamo dovuto diminuire i premi”.

La partecipazione sarà possibile fino al 28 novembre, con le informazioni del bando contenute sul sito www.odg.abruzzo.it.

Gli articoli, i servizi e le inchieste giornalistiche riguardanti la cultura, l’economia, la società e le tradizione popolari dovranno risultare pubblicati, radiotrasmessi, teletrasmessi o messi online nel periodo compreso tra il primo novembre 1016 e il 31 ottobre 2017.

Il Premio si articola in un’unica sezione dotata di un primo premio di 1.300 euro, di un secondo premio di 700 euro e di un terzo premio di 400 euro.

La premiazione avverrà il prossimo 15 dicembre alle 17 all’auditorium Bper in un convegno che, ha detto Pallotta, “opererà una riflessione su servizio pubblico televisivo e informazione locale, approfondendo tre figure che hanno diretto il tg Abruzzo: Giuseppe Mori, Giovanni Verna, scomparsi, e Fausto Celestini”.

La commissione giudicatrice sarà guidata da Walter Capezzali, storico cronista e docente universitario, dagli addetti stampa di Bper e Fondazione, Luca Marchetti e Angela Ciano, e da un rappresentante dello stesso Odg ancora da nominare.

“Assistiamo a un’involuzione che colpisce le caratteristiche della professionalità - ha detto Capezzali - Un premio così è una delle poche ciambelle di salvataggio che i colleghi possano utilizzare e perciò ci auguriamo una bella partecipazione”.

Marchetti ha assicurato l’impegno della Bper, che nel 2013 ha assorbito la Cassa di risparmio, anche per le prossime edizioni.

PALLOTTA SU D’ALFONSO E QUERELE: “TOLLERANZA ZERO? MEGLIO”

 “Noi cronisti non ci poniamo il problema se i politici ci tollerano o meno, anzi, se non ci tollerano è un successo”.

Così il presidente Pallotta, a margine della conferenza stampa, ha risposto alle dichiarazioni del presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, sulla “tolleranza zero” nei confronti della stampa che “oltraggia la storia di fatiche e di credibilità personale che in questo caso riguarda me”, come ha detto in un’intervista.

“Rispetto alla volontà di tutelare la sua dignità personale le sue affermazioni sono di tutto rispetto ed è nella condizione di poterlo e doverlo fare - ha premesso Pallota - ma noi non ci mettiamo a misurare il livello di tolleranza, noi facciamo il nostro mestiere”.

Per il presidente dell’ordine, “dobbiamo fare gli interessi di chi ascolta, legge e condivide con noi informazioni che diamo, e di nessun altro”.

“Ecco perché - ha concluso - il riconoscimento intitolato a Guido Polidoro non ha partnership con enti pubblici, sarebbe un tradimento della sua figura legata all’autonomia e all’indipendenza”.

L’ALBO D’ORO DEL PREMIO POLIDORO
 
1ª EDIZIONE (2002)

Sezione carta stampata: Amedeo Esposito
Sezione radiotelevisiva: Giusy Fonzi

2ª EDIZIONE (2003)

Sezione carta stampata: Sandro Galantini
Sezione radiotelevisiva: Nino Germano
Premio speciale: Angela Ciano

3ª EDIZIONE (2004)

Sezione carta stampata: Giacomo D’Angelo
Sezione radiotelevisiva: Gianfranco Di Giacomantonio
Premio speciale: Angelo De Nicola

4ª EDIZIONE (2005)

Sezione carta stampata: Rossella Cerullo
Sezione radiotelevisiva: Enrico Giancristoforo
Premio speciale: Marco Patricelli
Premio alla carriera: Antonio Buccilli

5ª EDIZIONE (2006)

Sezione carta stampata: Serena Giannico
Sezione radiotelevisiva: Ennio Bellucci, Luca Torchetti
Premio speciale: Lara Nicoli
Premio alla carriera: Gianfranco Colacito

6ª EDIZIONE (2007)

Sezione carta stampata: Generoso D’Agnese
Sezione radiotelevisiva: Enzo Leuzzi, Anna Di Giorgio
Sezione online: Fabio Iuliano
Premio speciale: Paolo Mastri
Premio alla carriera: Mario Santarelli

7ª EDIZIONE (2008)

Sezione carta stampata: Edoardo Amato
Sezione radiotelevisiva: Antimo Amore
Sezione online: Maria Paola Iannella, Alessandra Lotti
Premio speciale: Federica Gialloreto, Stefano Cristofani

8ª EDIZIONE (2009)

Premio unico: Sfollati News (giornalino distribuito nelle tendopoli post-sisma)

9ª EDIZIONE (2010)

Sezione carta stampata: Cristina Mosca
Sezione radiotelevisiva: Leda D’Alonzo
Sezione online: Maria Cattini
Premio speciale: Pablo Dell’Osa, Sonia Paglia, Enrico Giancarli
Premio alla carriera: Giampiero Perrotti

10ª  EDIZIONE (2011)

Sezione carta stampata: Nello Di Marcantonio, Oscar Buonamano
Sezione radiotelevisiva: Francesca Rubeo, Gilberto Porretta
Sezione online: Claudia Pajewski
Sezione fotogiornalismo: Livia Ermini
Premio alla carriera: Amedeo Esposito

11ª EDIZIONE (2012)

Sezione carta stampata: Federica Farda
Sezione radiotelevisiva: Paolo Mastri
Sezione online: Francesco Paolucci
Sezione fotogiornalismo: Adamo Di Loreto
Premio alla carriera: Enrico Carli

12ª EDIZIONE (2013)

Sezione carta stampata: Tiziana Pasetti
Sezione online: Nello Avellani, Alessandro Biancardi
Sezione fotogiornalismo: Manuel Romano
Premio speciale: Massimo Di Cintio
Premio alla carriera: Mario Narducci

13ª EDIZIONE (2014)

Sezione carta stampata: Nicola Catenaro, Ivan Masciovecchio
Sezione online: Alberto Orsini
Premio speciale: Lino Manocchia
Premio alla carriera: Domenico Marcozzi

14ª EDIZIONE (2015)

1° classificato: Maurizio Di Fazio
2° classificato: Andrea Rapino
3° classificato: Francesca Rubeo
Premio speciale: Fabio Sciarra e Giorgio D'Orazio
Premio alla carriera: Franco Farias

15ª EDIZIONE (2016)

1° classificato: Iolanda Ferrara
2° classificato: Marianna Gianforte
3° classificato: Elisabetta Di Carlo
Premio speciale: Davide De Amicis
Premio alla carriera: Sandro Marinacci



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

IL GIORNALISMO DEL ''CAPO'': UN RICORDO DI GUIDO POLIDORO

di Alberto Orsini
L'AQUILA - Avere un padre giornalista mi ha concesso un grande privilegio, quello di osservare, certo, con gli occhi del bambino, un giornalismo che per anagrafe non dovrei conoscere, un giornalismo che oggi non c’è più.... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui