• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

IMPASSE SOTTOSERVIZI UCCIDE
IL COMMERCIO: CIONI, ''GLI ENTI
NEANCHE RISPONDONO''

Pubblicazione: 22 febbraio 2018 alle ore 09:31

Celso Cioni

L'AQUILA - "Abbiamo ricevuto dai nostri associati numerose segnalazioni in merito all’andamento dei lavori per la realizzazione dei sottoservizi e dei recenti ritrovamenti di reperti storico-architettonici che, a causa delle normative vigenti in materia, caratterizzano un rallentamento delle opere in corso".

È l'incipit della missiva che il direttore della Confcommercio dell'Aquila, Celso Cioni, ha inviato alla soprintendente Alessandra Vittorini, al sindaco Pierluigi Biondi, all'assessore al Commercio Alessandro Piccinini e al presidente della Gran Sasso Acqua spa, Fabrizio Ajraldi, per chiedere un incontro urgente per trovare una soluzione all'impasse del cantiere del tunnel intelligente che sta mettendo in ginocchio il commercio nel centro storico del capoluogo.

"A tale proposito - si legge infatti nella lettera - per aver innazitutto contezza dello stato dell’arte e delle relative tempistiche e per riferire ai nostri associati, richiediamo un cortese ed utile incontro congiunto al fine di individuare ogni possibile azione da porre in campo per alleviare i disagi alle attività produttive che si sono già reisediate nel centro storico e per quelle che, per effetto del bando Fare Centro, intendono a breve riaprire nel centro urbano".

Una missiva alla quale a più di due giorni ancora non viene data una risposta, come conferma Cioni ad AbruzzoWeb.

"Continuiamo a sollecitare - dice - augurandoci che i tempi siano rapidi, perché le aziende aprono tutti i giorni e non una volta ogni tanto. È un calvario che dura da anni e non se ne vede la fine, sarebbe utile che chi si occupa di cosa pubblica sia perlomeno rapido nell'accettare il confronto e dare le informazioni che servono".

Nei giorni scorsi è intervenuto anche l'ex presidente del Consiglio comunale, Carlo Benedetti, affermando che i sottoservizi stanno comportando più danni del terremoto stesso.

E molti commercianti che hanno riaperto hanno persino paventato l'ipotesi di chiuedere, a costo di rinunciare ai finanziamenti ottenuti dal bando Fare Centro, che tuttavia la Regione ancora non eroga a ormai due mesi dalla pubblicazione della graduatoria delle linee A e C. (red.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

IL COMMERCIO UCCISO DAI SOTTOSERVIZI, ''FARE CENTRO? PRONTI A RINUNCIARE''

di Marco Signori
L'AQUILA - C'è persino chi si dice pronto a rinunciare al finanziamento ottenuto con il bando Fare Centro, tra i commercianti ormai allo stremo del centro storico dell'Aquila. La chiusura di via Sant'Amico, via della Genca, via... (continua)

SOTTOSERVIZI L'AQUILA: BENEDETTI, ''DA CANTIERE PIU' DANNI DEL TERREMOTO''

L'AQUILA - "Intervengo nuovamente sulle problematiche sollevate dal blocco ormai conclamato e quasi irreversibile del cantiere dei cosiddetti sottoservizi nel tratto finale di Corso Vittorio Emanuele e di via Garibaldi. Lo faccio nella convinzione, ormai condivisa... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui