IMPEDITO ACCESSO A GIOCHI A BIMBO AUTISTICO:
PADRE DENUNCIA SUI SOCIAL, POLEMICA ALL'AQUILA

Pubblicazione: 12 agosto 2017 alle ore 12:36

L'AQUILA - "Apprendiamo dai social che, alcuni giorni fa, sarebbe stato impedito l'accesso nell'area giochi posta all'interno di un centro commerciale aquilano ad un bambino autistico, perché ritenuto 'malato'. Se confermato, si tratterebbe dell'ennesimo atto risultante da insufficienti politiche di informazione e sensibilizzazione".

È la denuncia fatta in una nota di Chiara Mancinelli, referente provinciale dell'Aquila dell'Osservatorio nazionale Sostegno Vittime, presieduto da Elisabetta Aldrovandi.

"Se quanto appreso dai social rispondesse a verità, ci troveremmo davanti all'ennesima forma di pregiudizio che favorisce lo stigma sociale rispetto al disturbo: considerando che uno dei sintomi più comuni dell'autismo è la difficoltà nell'interazione sociale, appare chiara l'importanza che riveste il non inibire gli stimoli, ovviamente sotto la supervisione di un caregiver di supporto al comportamento del bambino" spiega ancora Mancinelli che accusa i ritardi della Regione nel recepimento della legge nazionale: "Ci troviamo purtroppo davanti al risultato di una a nostro avviso tardiva ricezione della legge nazionale 134/2015, la cui disciplina attuativa, ricomprendente anche attività di informazione e sensibilizzazione sociale, è stata purtroppo approvata dalla Regione Abruzzo solo pochi giorni fa, e le cui linee di indirizzo, come da dichiarazioni dell'assessore regionale competente, sarebbero state concordate addirittura nel 2014".

"È evidente che ci troviamo davanti ad una realtà sociale inconsapevolmente distante dal problema, a causa di politiche attuative probabilmente insufficienti e tardive", continua la Mancinelli.

Nella nota, Aldrovandi, presidente dell'Osservatorio nazionale Sostegno Vittime, sottolinea che "l'autismo non è una malattia: è necessario informare e sensibilizzare sull'argomento, in modo da evitare errate percezioni del disturbo ed una loro dannosa strumentalizzazione. Al bambino ed alla sua famiglia va la nostra solidarietà".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui