• Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

PROCURA CHIEDE 2 RINVII A GIUDIZIO E 10 ARCHIVIAZIONI: RISCHIANO PROCESSO I 2 TECNICI ESTERNI POMPA E MARCANTONIO. ''NESSUN COINVOLGIMENTO PER D'ALFONSO E RUFFINI''

INCHIESTA APPALTI REGIONE: SI RIDIMENSIONA FILONE PRINCIPALE RECUPERO PALAZZO CENTI

Pubblicazione: 04 agosto 2018 alle ore 20:27

L'ingresso e la facciata di palazzo Centi

L'AQUILA - Va avanti, anche se fortemente ridimensionata, l’inchiesta sull’appalto di circa 13 milioni per la ristrutturazione e il consolidamernto dello storico palazzo Centi, sede della Presidenza della Giunta regionale all’Aquila, seriamente danneggiata in seguito al terremoto del 6 aprile 2009.

La Procura della Repubblica dell’Aquila ha chiesto il rinvio a giudizio per due dei dodici indagati del filone più importante della maxi inchiesta dei pm aquilani su presunte mazzette in appalti gestiti dalla Regione, che ha portato complessivamente a coinvolgere oltre 30 persone, tra politici, funzionari pubblici, tecnici ed imprenditori.

Il processo è stato chiesto per due tecnici con l’accusa di turbativa d’asta: si tratta di Alessandro Pompa e Gianluca Marcantonio, quest’ultimo fedelissimo del governatore, Luciano D’Alfonso, che lo ha pubblicamente sponsorizzato nella nomina come componente del Consiglio superiore dei lavori pubblici.

I due sono coinvolti nelle vesti di progettisti esterni. Nelle prossime settimane il gup Guendalina Buccella fisserà la data dell’udienza preliminare per decidere se mandare a processo o prosciogliere i sospettati.

Per il resto, questo caso giudiziario sembra destinato a finire nel dimenticatoio, visto che nelle scorse settimane, Fabio Picuti, il pm che ha ereditato l’indagine dalla ex collega Antonietta Picardi, trasferita su sua istanza dallo scorso mese di settembre presso la Procura generale della Cassazione, ha chiesto l’archiviazione per gli altri dieci indagati, tra cui il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, e del suo ex capo della segretaria, Claudio Ruffini, ex consigliere regionale del Pd e presidente della Provincia di Teramo, dimessosi dall’incarico di collaboratore di D’Alfonso proprio quando è scoppiata la maxi inchiesta. 

Su queste due figure, le più importanti della lista, il pm ha ritenuto che dalle intercettazioni non emerga "nessun interessamento o coinvolgimento dei predetti indagati nella procedura in questione".

Le prove in questione, che erano state raccolte in precedenza dai carabinieri del Noe, si sono dimostrate secondo la Procura aquilana di poco peso. Sono cadute le accuse a carico di altre persone inizialmente sospettate: l’imprenditore Eugenio Rosa, amministratore delegato di Iciet Engineering di Castelli (Teramo), azienda che si è classificata terza, l'ex dirigente del ministero dei Beni Culturali Berardino Di Vincenzo, ora in pensione, il figlio Giancarlo Di Vincenzo, tecnico progettista, gli imprenditori Giancarlo Di Persio e Mauro Pellegrini, titolari della impresa Dipe, già finiti nei guai in due precedenti inchieste, una in particolare su presunte mazzette nella ricostruzione privata.

Stesso discorso, ovvero archiviazione per i tre componenti della commissione di gara per l’aggiudicazione dei lavori di ricostruzione post-terremoto 2009, i dirigenti regionali Giancarlo Misantoni (presidente), l’architetto Roberto Guetti e l’ingegnere Silverio Salvi, cui era contestato il falso ideologico per una serie di verbali ritenuti dai pm non veritieri. Tutti gli indagati stanno aspettando la decisione del Gup Buccella sull’archivazione o meno. 

Estranea all'inchiesta la vincitrice dell’importante appalto, la Edil Costruzioni Generali di Venafro (Isernia) con un ribasso del 35%. 

Attualmente i lavori, iniziati con un grave ritardo, sono fermi in attesa del pronunciamento della giustizia amministrativa alla quale ha fatto ricorso la seconda classificata, l'impresa teramana Cingoli Nicola e Figlio Srl, conosciuta all'Aquila per le numerose commesse nell'ambito della ricostruzione privata. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui