L'AQUILA: CONSIGLIO COMUNALE BOCCIA MOZIONE MASTERPLAN EX SAN SALVATORE

Pubblicazione: 10 ottobre 2017 alle ore 12:25

Il complesso del vecchio ospedale San Salvatore

L'AQUILA - Il Consiglio comunale dell'Aquila ha bocciato la mozione sul masterplan per la riqualificazione dell'area dell'ex ospedale San Salvatore.

Il documento, presentato dal capogruppo del Partito democratico Stefano Palumbo, ha ottenuto 11 voti favorevoli, 16 contrari e 2 astenuti.

La mozione impegnava il sindaco, Pierluigi Biondi, e la giunta comunale ad "assumere la delibera di avvio delle procedure finalizzate alla sottoscrizione dell'accordo di programma" e a "sottoscrivere l'accordo di programma e portare all'approvazione del Consiglio comunale la delibera di ratifica preferibilmente entro il mese di ottobre 2017".

Si chiedeva, inoltre, di "sottoscrivere preliminarmente e nell'auspicato spazio di 30 giorni, un protocollo d'intesa tra il Comune, la Regione, l'Università, l'Arta e l'Asl, finalizzato a rendere chiari tutti gli impegni reciproci, i tempi e la necessità di trovare nel più breve tempo possibile una adeguata soluzione per la sede dell'Arta attraverso la ricostruzione in via prioritaria di quest'ultima in altro sedime da individuarsi per motivi di urgenza in una delle aree già oggetto di valutazione (nell'ex clinica medica di viale Duca degli Abruzzi oppure nell'area dell'ex Psichiatrico di Collemaggio in un edificio vetusto e ormai dimesso da parte dell'Asl".

"La mozione è stata respinta, con il voto contrario della maggioranza, perché appaiono superate le problematiche poste alla base del documento", spiegano in una nota i capigruppo del centrodestra.

"Sin dai primi giorni dopo l’insediamento del sindaco Pierluigi Biondi, infatti, si sono svolti incontri e trattative che hanno coinvolto Comune, Asl, Arta e Università per formalizzare una proposta di riqualificazione dell’area di San Basilio. Ci preme ricordare, inoltre, che i tempi per il raggiungimento di un accordo non dipendono dal Comune, che sta svolgendo un ruolo di mediatore tra le parti, ma dai proprietari delle varie aree che, siamo certi, hanno a cuore che la questione si risolva in tempi brevi, onde poter iniziare il recupero di una zona strategica per la città ed il suo futuro", scrivono Roberto Junior Silveri di Forza Italia, Giorgio De Matteis di Fratelli d'Italia, Daniele Ferella di Noi con Salvini, Daniele D'Angelo di Benvenuto presente, Roberto Santangelo di L'Aquila futura e Raffaele Daniele dell'Udc.

L'aula ha invece approvato l’ordine del giorno, presentato dal consigliere Ferdinando Colantoni (Forza Italia), su "Disordini in Venezuela", attraverso il quale l’assemblea, esprimendo sostegno alle vittime abruzzesi dei recenti tumulti nel Paese sudamericano, per le quali, durante la seduta, è stato anche osservato un minuto di silenzio, rivolge un appello al Governo venezuelano affinché si ristabiliscano condizioni di pace sociale.

Via libera all’unanimità anche alla proposta deliberativa, illustrata in aula dall’assessore alla Pianificazione Luigi D’Eramo, riguardante un permesso a costruire in deroga, inerente lavori di riparazione e miglioramento sismico di un fabbricato situato tra via delle Carceri, via Buccio da Ranallo, via San Quinziano e piazza Angioina, nel centro storico della città.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui