• Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

L'AQUILA: LE SCATENATE DJ ''INDIESPONENTI''
''FACCIAMO BALLARE TUTTI E CI DIVERTIAMO''

Pubblicazione: 14 agosto 2016 alle ore 09:36

Le Indiesponenti
di

L’AQUILA - Metti due ragazze scatenate alla consolle: cambiano i dischi, uno ciascuna, ballano, cantano e si divertono: che si trovino all’apertura di un concerto con migliaia di persone o a una festa di pochi giovinastri è indifferente.

Con questi ingredienti il divertimento è assicurato, e anche durante l’intervista ridono spesso le “Indiesponenti” Sara Scarsella e Lucia Civisca, entrambe aquilane, trentenni, dj che già dal loro nome d’arte fanno capire il marchio di fabbrica.

Amiche da oltre una decina d’anni, lavorano insieme da 3 e le serate e il consenso aumentano sempre di più.

Ad AbruzzoWeb raccontano come hanno cominciato, come stanno portando avanti la “strana coppia” e dove vogliono arrivare.

Da quanto vi conoscete e come è nata la coppia?

Sara: Ci siamo conosciute oltre dieci anni attraverso amici in comune. Il sodalizio artistico, invece, è nato ufficialmente nel dicembre 2013, quando abbiamo debuttato al “Set”, tra l’altro la sera dell’apertura.

Il nome com’è nato?

Sara: Gli amici dicono da sempre a entrambe di essere delle indisponenti, in tono scherzoso, per via di alcune punte del nostro carattere, e così lo abbiamo ripreso nel nome d’arte anche come provocazione rispetto al nostro set che passa da artisti come i Black Keys, i The Cure, a ricordi della nostra adolescenza o ad artisti attuali come Cosmo o I Cani. La ‘e’ aggiunta è per identificare, fin da subito, uno dei generi musicali che più ci si avvicina.

Com’è andato l’esordio?

Lucia: È andata molto bene, anche se c’è stata molta emozione. Non va mai sempre tutto liscio, comunque nel complesso è andata bene.

E poi?

Sara: Da lì ci siamo fatte tutta la stagione al Set. Siamo posizionate un po’ sopra le righe rispetto a quelle che erano le tendenze di quel locale. Così ci siamo ritrovate nel cosiddetto “tunnel”, era una zona di passaggio, un limbo. Da un lato c’era la sala della commerciale, dall’altra la tecnho o house, noi nel mezzo con una musica alternativa, è stato un valore aggiunto.

C’è stato anche qualche evento che vi ha visto protagoniste?

Sara: Abbiamo aperto il concerto di Fabrizio Moro, ci siamo ritrovate davanti a 1.200 persone! Alla chiusura, con lo Stato Sociale, ce n’erano 3 mila. Con le luci rivolte verso di noi non si vedeva granché, ma comunque guardavamo un punto fisso, come fossimo a teatro!

Lucia: Ci siamo dette e adesso che dischi mettiamo? Alla fine siamo andate per la nostra strada ed è andata bene.

Sara: L’estate 2014, durante la Perdonanza, ci siamo esibite al Parco del Castello con i No Braino, L’Orso, Il Pan del Diavolo. A ottobre gli Afterhours, abbiamo conosciuto Manuel Agnelli di cui siamo anche fan, ci ha fatto una bella impressione.

Come avete intrapreso la carriera da dj, dov’è nata la passione?

Lucia: Io avevo cominciato per prima, a Milano, con un ragazzo. Poi sono tornata all’Aquila, non volevo abbandonare il progetto, ma neanche continuare da sola, perché farlo in due ha un valore aggiunto. Così ho chiesto a Sara, che conoscevo da anni e della quale conoscevo a perfezione gusti musicali, oltre a sapere che c’era una forte intesa per via di un’amicizia così lunga. Tutto è partito un po’ per gioco, tre anni dopo siamo ancora insieme, e ci siamo trovate molto bene anche professionalmente, che è totalmente diverso dall’essere amiche.

Come vi alternate alla consolle?

Sara: Siamo entrambe ai controlli con il “back to back”, ovvero mettiamo un disco a testa fino alla fine. Non c’è mai una scaletta preparata, diamo il 100% di spazio all’improvvisazione. Si parte da qualcosa di più tranquillo, poi cerchiamo di assecondare gli umori, anche sulla base di chi abbiamo davanti. L’intento è sempre cercare di far ballare il più possibile e ballare anche noi, e cantare, perché per noi è fondamentale. Volevamo fare le cantanti, confesso che siamo cresciute a pane e Non è la Rai.

Lucia: Bisogna anche rendersi conto di dove stai andando e se la nostra musica sia adatta. Più di tutto noi proponiamo indie rock e alternative, la musica della nostra adolescenza: non andremmo mai, come è giusto che sia, a suonare della house.

All’Aquila quanto è difficile lavorare per un dj?

Sara: Il movimento c’è, molto meno gli spazi. La voglia di fare è tantissima, abbiamo tanti amici e dj che si danno da fare e organizzano serate. Una vera discoteca, però, in effetti manca.

Fuori vi siete mai esibite?

Lucia: Ad Avezzano, una serata in discoteca, è una piazza molto diversa. È stata una nuova esperienza, è sempre bello farne e trovare la possibilità di farsi conoscere, far divertire e divertirsi fuori.

Contate di fare di questa attività il vostro lavoro?

Lucia: Sarebbe bellissimo... Come per tutti quelli che sono nel campo della musica, è un sogno, magari non accadrà però ci proviamo.

Sara: Restiamo con i piedi per terra, poi se succede...

E fuori dalle notti in consolle, qual è la vostra attività?

Lucia: Mi occupo di comunicazione e grafica come attività “diurna”, poi lavoro anche in un pub.

Sara: Stessa cosa per me, dopotutto apparteniamo alla generazione dei giovani dai mille lavori.

Il tormentone dell’estate 2016 qual è?

Per noi è Cosmo, tutto il suo ultimo disco, quello che cantiamo anche in macchina. Poi ci può essere anche una canzone suonata dappertutto, ma se non ci piace non la mettiamo! C’è una ricerca, un tormentone magari lo è per noi, diventa il nostro.

Due ragazze in consolle suscitano scetticismo nel pubblico?

Lucia: Stupore sì, scetticismo direi di no.

Sara: Molti, anzi, ne subiscono il fascino, diciamo uno “pseudo rimorchio”!

Un concerto che vi piacerebbe aprire con i vostri dj set?

Lucia: Il sogno sarebbero i Nirvana, l’ambizione è lo stesso Cosmo, andare in tour sarebbe fantastico!

Prossimo appuntamento dove ascoltarvi?

Lucia: Chiuderemo il concerto dei Ministri il prossimo 24 agosto in piazza San Basilio, all’Art Village.

Sara: Inoltre è cominciata una nuova avventura al locale Sam, in piazza Regina Margherita. Abbiamo fatto una serata “mezcal e dischetti” che è riuscita talmente bella, sentita e divertente che verrà replicata: i ragazzi del locale ci hanno chiesto di farne un’istituzione, da settembre ogni terzo giovedì del mese, perciò, saremo lì!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

LE INDIESPONENTI SI CIMENTANO CON LA RADIO: ARRIVA BLACK MONDAY,UN'ORA DI PURO ROCK'N'ROLL

L'AQUILA - "Cos'è Black Monday? E' quel lunedì del c...!". Il lunedì si sa, inizia la settimana, si torna a lavoro, accade sempre di tutto. Perciò non può che essere black, nero. E così hanno chiamato la trasmissione... (continua)

ALTRE NOTIZIE

  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
  • Abruzzoweb sponsor
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
    Abruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsorAbruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento
 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui