L'AQUILA: MORELLI (FI), ''CIALENTE SECONDA CALAMITA' DOPO TERREMOTO''

Pubblicazione: 09 ottobre 2017 alle ore 13:49

L'AQUILA - "Ormai siamo al paradosso, i carnefici della città si ergono come i suoi salvatori. L’ex sindaco Massimo Cialente è il vero responsabile, insieme agli attuali consiglieri di opposizione presenti nella passata legislatura, del declino di L’Aquila. Il centrodestra ed il sindaco Pierluigi Biondi si sono trovati non solo ad affrontare i problemi legati alla ricostruzione ma, con nostra grande sorpresa, anche quelli legati alla incapacità di chi ha distrutto il tessuto produttivo, ha ingessato la macchina amministrativa, e cosa ancor più grave ha lasciato dopo 10 anni di governo tutti i nodi strategici e cruciali per il capoluogo irrisolti".

Così in una nota il coordinatore cittadino di Forza Italia, Stefano Morelli.

"Con quale coraggio, mi chiedo, abbiano la faccia tosta di attaccare una amministrazione comunale che in soli tre mesi ha iniziato a studiare e risolvere alcuni di questi pesanti lasciti".

"Potrebbe essere superfluo, visto il consenso che gli aquilani ci hanno attribuito, ma è forse utile ricordarlo".

"Il sindaco Biondi, Forza Italia e la coalizione che oggi ha l’onere e l’onore di governare", continua Morelli, "hanno in soli pochi mesi già impostato una rivoluzione epocale della macchina amministrativa comunale, ripristinato con pochi piccoli, ma importanti segnali, un rapporto di normalità con i nostri concittadini partendo dalla cura del decoro urbano e molto altro ancora, ma non è qui il caso di fare un elenco".

"La cosa che però più sorprende è l’accusa di mancanza di visione del futuro e di un progetto strategico. Noi ci siamo presentati con un programma innovativo e moderno che parte da oggi e imposta una città nuova moderna ed efficiente da qui ai prossimi 20 anni. Mi domando, era strategico il ponte sulla mausonia (dal costo di 10 milioni di euro) o una pista ciclabile che passa in mezzo a campi coltivati ed è utilizzata anche dai trattori per raggiungere i terreni? Oppure Accord Phoenix e i millantati posti di lavoro che i nostri giovani hanno atteso in vano? E stendo un velo pietoso sull'incapacità della ricostruzione del tessuto sociale cittadino".

"Potrei scrive molto e a lungo ma un’ultima cosa la voglio dire Cialente e la sinistra aquilana: sono stati una seconda calamità, questa volta innaturale, per la nostra amata città", aggiunge Morelli.

"Gli aquilani giustamente aspettano delle risposte che non tarderanno ad arrivare e poi vedremo chi ha avuto ed ha un progetto strategico e chi in dieci anni, oltre ad accondiscendere ad ogni sopruso e spoliazione da parte della regione del capoluogo di regione in favore della costa e della città di Pescara, non ha fatto altro che danni e non ha lasciato altro che idee irrealizzate".

"Ormai non è più il tempo delle chiacchiere, ma quello del lavoro duro e proficuo per i nostri concittadini per dare loro quelle risposte che aspettano da anni", conclude il coordinatore degli azzurri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui